Pubblicato il 02/01/2019, 18:01 | Scritto da Tiziana Leone

La tv del 2019 resta uguale a se stessa, con poche novità e tanti programmi già sperimentati

La tv del 2019 resta uguale a se stessa, con poche novità e tanti programmi già sperimentati
Da Milly Carlucci a Maria De Filippi, da Paola Perego a Paolo Bonolis, dai talent ai reality: la tv replica se stessa anche nell'anno che verrà.

L’intrattenimento e la divulgazione, l’informazione e i talent show, nel frullatore della tv che verrà gli ingredienti sono sempre gli stessi, con qualche piccolissima variazione

L’usato sicuro è una certezza per la tv generalista, che azzarda poco e si affida a successi decennali, pronti a replicarsi all’infinito, lasciando intatta la formula e variando l’ordine dei fattori.

Da Ballando con le stelle, che tornerà su Rai1 il 9 marzo, con la conduzione di Milly Carlucci a C’è posta per te di Maria De Filippi, al via su Canale5 il 12 gennaio: entrambe le trasmissioni hanno alle spalle più di dieci anni di onorata carriera, restano salde nel sabato sera delle proprie reti e garantiscono preziosi punti di share e una relativa dose di polemiche che non guasta mai.

Ritorna anche L’Isola dei famosi

Il meccanismo dei programmi è lo stesso da sempre, basta cambiarne i protagonisti e lo show è servito. Concetto che vale anche per lIsola dei famosi, il reality che conta ben tredici primavere, al via su Canale5 il 24 gennaio, con la conduzione di Alessia Marcuzzi.

Ad assicurarne il successo è il cast, che deve puntare sempre su un giusto mix di svampite, palestrati, “filosofi” e sciure in pareo, perché in bikini non si può più, la location resta l’Honduras, la fame, le lotte per un cocco, le notti nella tempesta, la pesca a mani nude e i litigi per decidere se a passare sulla spiaggia sia un granchio o un paguro fanno il resto.

Tutto già visto, già realizzato, già commentato. La scommessa è capire se si ripeterà o se a lungo andare il pubblico accuserà una inevitabile stanchezza, come successo nei confronti del Grande Fratello Vip.

Sanremo Young partirà il 15 febbraio

È invece appena alla sua seconda edizione Sanremo Young, il talent a base di giovani cantanti condotto, in diretta dal Teatro Ariston, da Antonella Clerici. Al via il 15 febbraio su Rai1 subito dopo il Festival, il programma vede in gara dodici ragazzi dai 14 ai 17 anni pronti a sfidarsi sulle canzoni che hanno fatto la storia di Sanremo.

Anche in questo caso è il cast a fare la differenza, naturalmente aiutato da una giuria che, pur dovendo far perno sulla tradizionale cattiveria, deve tener conto di trovarsi di fronte a concorrenti minorenni. Agguerriti comunque.

Un po’ di talent show

Di talent in talent, a fine marzo su Rai2 tornerà anche The Voice, in onda una volta finito Sanremo Young, per evitare che le due reti generaliste Rai si facciano concorrenza interna. È stato il direttore di Rai2, Carlo Freccero, a volere a tutti i costi il ritorno del talent con le sedie girevoli sulla sua rete e ha preteso che a condurlo fosse Simona Ventura.

Perché non bastava riaprire The Voice, ma serviva trovare una conduzione forte e scegliendo la Ventura, Freccero si è garantito una novità importante per un programma che correva il rischio di racimolare pochi punti di share. Il resto lo dovrà fare la giuria, dove non potrà esserci l’onnipresente Mara Maionchi, arruolata da Italia’s Got Talent, che dopo un anno di stop, tornerà su Tv8 l’11 gennaio.

A giudicare le esibizioni dei nostri connazionali in cerca di gloria insieme alla Maionchi saranno Claudio Bisio, Frank Matano e la novità Federica Pellegrini. Ma a sfidarsi a colpi di ugole, su canzoni già sentite saranno anche i concorrenti di Ora o Mai più, unica novità in un palinsesto invernale di soliti ritorni. Il talent condotto da Amadeus, al via il 19 gennaio su Rai1 dovrà vedersela con C’è posta per te e andrà avanti fino al 2 marzo, con la pausa del 9 febbraio per il Festival di Sanremo. Testato con successo nel giugno scorso, il programma, ideato da Carlo Conti, vedrà sfidarsi cantanti caduti in disgrazia dopo un fulmineo successo.

Altri titoli storici

Riprenderà invece il 29 marzo La Corrida, condotta da Carlo Conti. In questo caso contare il numero di edizioni potrebbe diventare una sorta di perversione. Per la riapertura de Il Collegio bisognerà aspettare il 12 febbraio su Rai2.

Il talent, alla sua terza edizione, è ambientato in un collegio degli anni ’60 dove però ci finiscono i giovani degli anni duemila, e vedrà diciotto concorrenti, tra i 13 e i 17 anni, impegnati a conseguire la licenzia media. La voce narrante è ancora quella di Giancarlo Magalli.

La divulgazione scientifica

Non poteva restare assente nel palinsesto di Rai1 l’uomo di punta della divulgazione, il re della cultura e dei like sul web, Alberto Angela. Dal 5 marzo tornerà con Meraviglie il programma dedicato alle bellezze italiane, proclamate patrimonio dell’Unesco.

Quattro nuove puntate in cui il conduttore tornerà a raccontare, a modo suo, il nostro paese, dopo il successo delle precedenti quattro, andate in onda nel gennaio scorso, in cui mostrò le unicità del nostro patrimonio artico e naturalistico dal Nord al Sud.

Paolo Bonolis e Raffaella Carrà

Otto sono le edizioni per Avanti un altro, il game show condotto da Paolo Bonolis, che torna il 7 gennaio su Canale 5. È invece fissato per venerdì 11 gennaio su Rai1 il ritorno di Superbrain, lo show dedicato alle super menti, alla sua terza edizione. Debutterà il 28 marzo invece su Rai3 La mia casa è la tua, il programma con cui Raffaella Carrà torna in tv.

Niente musica stavolta, ma solo parole: confidenze  che la Carrà tirerà fuori dai protagonisti che di volta in volta intervisterà tra le loro mura domestiche.

 

Tiziana Leone

 

(Nella foto, da sinistra, Milly Carlucci e Maria De Filippi)