Pubblicato il 19/03/2018, 13:02 | Scritto da Emanuele Bruno

Ascolti Tv analisi 18 marzo: Fazio, Iene e Giletti reggono calcio e motori. Dovizioso porta Tv8 all’8%

Ascolti Tv analisi 18 marzo: Fazio, Iene e Giletti reggono calcio e motori. Dovizioso porta Tv8 all’8%
Una serata in cui gli ascolti del calcio, ma anche quelli del Motomondiale, hanno influenzato le generaliste. Nonostante però Napoli e Lazio impegnate, il botto della replica della gara del Qatar (all’8% e quasi 2,3 milioni nei secondi finali su Tv8), Che tempo che fa, Iene e Non è l’arena hanno fatto meglio di sette giorni prima, quando Inter-Napoli le aveva fatte ‘crollare’.

Ascolti tv sport: Motomondiale in differita su Tv8 6,85%; Lazio-Bologna e Napoli-Genoa 7,2% pay; tennis su Sky 0,8%

Il calcio da solo non ha fatto il botto di ascolti, anzi; ma indubbiamente ha sottratto pubblico alle generaliste. A rendere tutto più complicato per le tv più tradizionali, in realtà, ieri è stato il Motomondiale. Lazio-Bologna e Napoli-Genoa hanno complessivamente conquistato il 5% di share (1,371 milioni di spettatori) su Sky ed il 2,2% (587mila spettatori) su Premium. Ieri però il menù sportivo di prima serata prevedeva pure la differita della MotoGp su Tv8 e la finale di Indian Wells di tennis a pagamento su Sky. La gara vinta in Qatar da Andrea Dovizioso allo sprint su Marc Marquez ha riscosso 1,9 milioni di spettatori ed il 6,85% su Tv8, facendo un picco nelle battute finali a quota 2,221 milioni e 7,95%; mentre sulla pay satellitare la partita vinta da Del Potro su Federer ha raccolto 210mila spettatori con lo 0,8% di share.

Nonostante questo sommovimento ampio, Fabio Fazio è riuscito a fare meglio di sette giorni prima, quando confrontandosi con Inter-Napoli (3,066 milioni di spettatori e l’11,5% di share, con 2,1 milioni di spettatori e quasi l’8% di share su Sky e 940mila spettatori e il 3,5% di share su Premium) nella prima parte aveva portato a casa solo (con Luca Guadagnino, Ciriaco De Mita, Albano e J-Ax con Pippo Baudo, Vincenzo Salemme e Tosca D’Aquino e l’intervento comico di Luciana Littizzetto) 3,929 milioni di spettatori ed il 14,6%. Ieri puntando sull’astronauta Paolo Nespoli, Laura Pausini e Antonio Albanese, Che tempo che fa è andato meglio: 4,2 milioni di spettatori ed il 15,5%. Quindi il Tavolo di discussione con Fabio Volo, Nino Frassica, Gigi Marzullo, Orietta Berti, ancora Albanese e quindi Edoardo Leo, Enzo Iacchetti, Iva Zanicchi, Giobbe Covatta, Cristiano Malgioglio e Filippo Ganna, ha avuto 2,558 milioni ed il 13,53% di share, per una media complessiva in progresso di 3,385 milioni di spettatori ed il 14,7%.

Dietro Fazio è rimasta sui suoi livelli su Canale 5 la fiction Furore- Secondo Capitolo (2,481 milioni di spettatori e il 10%), mentre sono andate meglio di sette giorni prima Le Iene Show, risalendo a 2,2 milioni e il 10,92%, e correndo bene in seconda serata.

A calare un po’ sono state soprattutto le prestazioni dei telefilm di Rai2 (Ncis a 1,9 milioni e 6,8% e S.W.A.T. a 1,665 milioni e 6,6%), mentre è lievemente cresciuta rispetto alla settimana scorsa anche Rai3. Storie Maledette con Franca Leosini, di nuovo con Sabrina Misseri e Cosima Serrano a rievocare l’omicidio di Sara Scazzi ad Avetrana, ha conseguito 1,877 milioni di spettatori e l’8,06% di share.

In crescita un po’ più sostanziosa sono state le prestazioni di Non è l’arena su La7. Massimo Giletti, aprendo con Marco Travaglio e Carlo Rossella, e poi ospitando Lucia Borgonzoni, Nunzia De Girolamo, Mario Giordano, Ignazio La Russa, Massimo Giannini, Klaus Dhavi, Arturo Artom, Roberto Perotti, Irene Tinagli e facendo nel finale il focus sul sesso e la pornografia con Emmanuele Nannini, Giuseppe Cruciani, Maurizio Ruggero, Michelle Ferrari e Malena, ha conquistato 1,365 milioni e 6,46% di share.

Il grafico che raduna le curve delle principali emittenti generaliste mostra come in access Fabio Fazio puntando su Nespoli abbia stavolta vinto contro Paperissima Sprint. Che tempo che fa è rimasto ampiamente leader fino alle 24.15, ma subendo il sorpasso de Le Iene dalle 23.00 alle 23.45 circa (nel finale hanno fatto il 22,4% di share). La Leosini ha fatto il 12,4% in chiusura.

Ma ecco più in dettaglio i principali risultati di ascolti del day time. Al mattino questi gli ascolti. Su Rai1 Uno Mattina in Famiglia ha riscosso il 22,79% di share nella prima parte, il 25,09% nella seconda ed il 21,11% nella terza, la Messa ha raccolto il 16,42%. Su Rete 4 la Santa Messa ha coinvolto il 7,81% della platea, su La7 Omnibus ha fatto il 3,24% e 3,2% di share. Su Rai2 Morning Voyager al 4,73%.

A cavallo dell’ora di pranzo questi gli ascolti: su Rai1 Linea Verde al 20,44%. Su Canale 5 Melaverde ha conseguito il 13,19%, su Rai2 Mezzogiorno in Famiglia 8,27% nella prima parte e 10,56% nella seconda.

Nel primo pomeriggio questi gli ascolti. Su Rai1 Domenica In ha raccolto l’11,47% nella prima parte e il 9,73% nella seconda e per E’ arrivata la felicità il 7,56% e l’8,1%. Su Rai2 per Quelli che aspettano il 7,24% di share, per Quelli che il calcio 7,8% e per Novantesimo Minuto zona mista 6,7%. Su Rai3 Mezz’ora in Più ha conquistato l’8,67% con Roberto Maroni, Piero Fassino e Carlo Freccero ospiti di Lucia Annunziata e più quindi Kilimangiaro ha avuto il 7,71% e il 10,5%. Su Canale 5 questi i risultati di Barbara D’Urso e Domenica Live: 13,37% con la presentazione e poi 15,8% con l’Attualità, 17,85% con le Storie e quindi 18,94%, 17,53% e 14,3% dalle 18.00 con Matteo Salvini). Su La7 Faccia a Faccia ha avuto uno share il 2,36%.

 

Emanuele Bruno

 

(Nella foto un momento topico della MotoGp, ieri su Sky e Tv8)