Pubblicato il 26/02/2021, 11:32 | Scritto da La Redazione
Argomenti: , , , ,

Sky a testa bassa contro la coppia Dazn-Tim

Sky a testa bassa contro la coppia Dazn-Tim
La nostra rassegna stampa, con gli estratti degli articoli più interessanti: Maximo Ibarra scrive una lettera pesantissima ai vertici della Lega Calcio. La battaglia per i diritti Tv della Serie A è sempre più infuocata. Oggi ennesima riunione a rischio flop.

Serie A, Sky contro Dazn-Tim

MF – Milano Finanza, pagina 14, di Andrea Montanari.

La guerra per i diritti tv continua. Ieri, a 24 ore dall’assemblea odierna della Lega Serie A che deve valutare le offerte di Dazn (affiancata da Tim) e Sky Italia, la pay tv satellitare scende nuovamente in campo e, questa volta, scrive formalmente ai vertici della Confindustria del pallone per chiedere delucidazioni in merito alla presenza del gruppo tlc, che non aveva presentato alcuna offerta entro i termini dell’asta per la vendita dei diritti tv 2021-2024. La missiva, vergata da Maximo Ibarra, ad di Sky, è indirizzata a Paolo Dal Pino e Luigi De Siervo, rispettivamente presidente e ad della Lega (Tim è title sponsor del campionato) e fa perno sull’ingombrante presenza dell’ex monopolista di Stato nelle telecomunicazioni a fianco dell’Ott, che ha messo sul piatto 840 milioni all’anno rispetto ai 750 milioni offerti dalla pay satellitare controllata da Comcast.

«Tale partnership commerciale, finanziaria e tecnologica, durerebbe per l’intero ciclo dei diritti e prevedrebbe la corresponsione di minimi garantiti da Tim a favore di Dazn per un ammontare superiore al 40% del valore dei diritti stessi», si legge nella lettera di Ibarra. Un accordo di distribuzione preferenziale potrebbe quindi generare potenziali criticità concorrenziali e di compatibilità con la legge Melandri», viene specificato anche nel documento firmato Sky. Per questo Ibarra chiede ai vertici della Lega Serie A di «verificare che non vi siano vincoli di alcun tipo alla distribuzione della Serie A su alcuna piattaforma o device, comprese quelle di Sky».

Gli scenari possibili

Il rischio ora è che la partita tra la pay tv e l’asse Dazn-Tim finisca a carte bollate allungando i tempi della vendita dei diritti tv. Nel frattempo, la televisione satellitare è intenzionata a definire offerte importanti per le immagini, in scadenza, della Liga spagnola, della B (interessa anche a Eleven Sports) e di altri sport minori. Oltre a studiare un progetto specifico per le partite della LegaPro.

Non va comunque trascurato il fatto che sullo sfondo di questa complessa vicenda resta sempre valida l’opzione della creazione della media company della Lega con l’ingresso dei fondi (Cvc, Advent e Fsi) al 10%.