Pubblicato il 21/10/2016, 13:32 | Scritto da La Redazione
Argomenti: , ,

Infront aspetta di capire come evolve la vicenda Mediaset-Vivendi

Infront aspetta di capire come evolve la vicenda Mediaset-Vivendi
Il ceo De Siervo: “Se dovessimo stare fermi lo faremo”. A Cologno subito al lavoro sulla campagna natalizia. Così Andrea Biondi sul quotidiano “Il Sole 24 Ore”.

Infront aste legate allo stato di Premium

Rassegna stampa: Il Sole 24 Ore, pagina 41, di Andrea Biondi.

Il ceo De Siervo: “Se dovessimo stare fermi lo faremo”. A Cologno subito al lavoro sulla campagna natalizia.

Dall’esito della disputa fra Vivendi e Mediaset su Premium e dalle sorti della stessa pay tv del gruppo Mediaset dipenderanno in buona parte timing e modalità della nuova asta sui diritti Tv della serie A di calcio a partire dal 2018. Luigi De Siervo, ad di Infront Italy e quindi dell’advisor della Lega Calcio di serie A per le licenze televisive, lo ha detto ieri a margine del Forum Sport&Business organizzato da Il Sole 24 Ore. «La stessa Uefa sulla Champions League – ha detto – sta rallentando sui tempi perché in questa situazione potrebbe avere un solo interlocutore». Insomma, ha dichiarato De Siervo, «se dovessimo stare fermi lo faremo, anche fino a settembre». E comunque, «se ci fosse un solo player la Lega dovrebbe avere un piano B considerando l’ipotesi di una vendita diretta». Dall’ad Infront, manager con un passato alla guida di Rai Com, arriva un riconoscimento importante per la pay tv del gruppo di Cologno, che poggia sul ragionamento che l’asta potrà essere più gratificante con due player forti. Aldilà di questo, per quanto riguarda la piattaforma Dtt di Mediaset è ormai da dare per assodato che, da ieri, all’operatività di Premium dovranno pensare solo in Mediaset.

Volenti o nolenti, in attesa che il tribunale dica la sua, con la lettera inviata da Vivendi e resa nota ieri il gruppo francese si è smarcato dall’operatività che a seguito dell’accordo siglato l’8 aprile scorso e ripudiato a luglio dalla media company francese aveva generato un “interim management”. Il comportamento di Vivendi «ha bloccato l’impostazione di un’intera stagione di abbonamenti e calcistica», ha messo nero su bianco Mediaset chiarendo ancora meglio, quindi, che tutto ciò inciderà sui danni richiesti. Di certo in questi mesi Premium ha perso due canali Disney (che forse non interessavano più di tanto, ma della cosa a Cologno si dà anche colpa al tira e molla con Vivendi). Dall’altra parte è stato rinnovato il contratto con Eurosport, controllata di Discovery, fino al 2019 e, sempre con Discovery si è dato il la al nuovo canale Id. Ora però a Cologno sanno anche di dover correre perché è alle porte la campagna natalizia, importantissima per le pay tv e step di non poco conto prima delle aste del 2017 sui diritti Tv di Serie A e Champions. Questi ultimi, pagati a caro prezzo, non hanno reso quanto si sarebbe voluto. Che fare in futuro, se partecipare o meno, è questione da decidere. E alla svelta.

 

(Nella foto la sede di Mediaset)