Pubblicato il 16/10/2019, 17:30 | Scritto da La Redazione

Atlantide su La7: stasera Andrea Purgatori racconta Paolo Borsellino

Atlantide su La7: stasera Andrea Purgatori racconta Paolo Borsellino
Che cosa era riuscito a scoprire Paolo Borsellino nei 57 giorni che lo separarono dalla morte di Giovanni Falcone alla strage in cui fu ucciso insieme a cinque agenti della scorta. Che cosa e chi indusse Totò Riina ad accelerare l'esecuzione. Di chi furono le mani, mafiose e no, che manipolarono per oltre 16 anni le indagini la strage di via D’Amelio.

Atlantide andrà in onda mercoledì 16 ottobre alle 21.15 su La7

Che cosa era riuscito a scoprire Paolo Borsellino nei 57 giorni che lo separarono dalla morte di Giovanni Falcone alla strage in cui fu ucciso insieme a cinque agenti della scorta. Che cosa e chi indusse Totò Riina ad accelerare l’esecuzione. Di chi furono le mani, mafiose e no, che manipolarono per oltre 16 anni le indagini la strage di via D’Amelio.

Lo speciale su Paolo Borsellino

Andrea Purgatori ritorna mercoledì 16 ottobre alle 21.15 su La7 con una nuova stagione di Atlantide, per raccontare quello che una sentenza ha definito “il più grande depistaggio di Stato”. Lo fa con una serie di testimonianze esclusive, dalla figlia di Borsellino, Fiammetta, al Procuratore generale di Palermo Roberto Scarpinato, al questore Renato Cortese che arrestò Il padrino Bernardo Provenzano, al colonnello Ultimo che arrestò Totò Riina e al quale lo Stato vuole togliere la scorta, fino ai giornalisti Saverio Lodato e Attilio Bolzoni.

Un ritorno a Palermo, dove si concluse la passata stagione di Atlantide con un’inchiesta sulla strage di Capaci, per ripercorrere tutti i giorni che il procuratore Paolo Borsellino consumò nel tentativo di scoprire la verità sulla morte di Falcone e bloccare la sfida armata di Cosa Nostra alle istituzioni, mentre uomini delle istituzioni trattavano con i boss corleonesi.

 

(Nella foto Paolo Borsellino)