Pubblicato il 27/02/2019, 12:01 | Scritto da La Redazione

L’incredibile storia del climber Alex Honnold: Free Solo vince l’Oscar e andrà in onda su National Geographic

L’incredibile storia del climber Alex Honnold: Free Solo vince l’Oscar e andrà in onda su National Geographic
Vince l’Oscar come miglior documentario Free Solo, il ritratto intimo del climber Alex Honnold mentre si prepara a realizzare il sogno di una vita: scalare senza corde di sicurezza la parete rocciosa più famosa al mondo, i quasi mille metri di El Capitan nel parco nazionale di Yosemite.

Nei cinema in questi giorni, Free Solo andrà in onda su National Geographic (Sky, 403) martedì 2 aprile alle 20.55

Il film, nei cinema in questi giorni, sarà in onda su National Geographic martedì 2 aprile alle 20.55.

Vince l’Oscar come miglior documentario FREE SOLO il ritratto intimo del climber Alex Honnold mentre si prepara a realizzare il sogno di una vita: scalare senza corde di sicurezza la parete rocciosa più famosa al mondo, i quasi mille metri di El Capitan nel parco nazionale di Yosemite. Prodotto da National Geographic, il documentario vede la regia di E. Chai Vasarhelyi e del fotografo e alpinista Jimmy Chin.

Nei cinema in questi giorni, FREE SOLO andrà in onda su National Geographic (Sky, 403) martedì 2 aprile alle 20:55. Celebrata come una delle più grandi imprese sportive mai realizzate, l’arrampicata di Honnold lascia poche alternative: o la perfezione o la morte.

Il Thriller

Free Solo è un thriller che tiene con il fiato sospeso ma anche il ritratto di un atleta che sfida il suo corpo e le sue convinzioni per trionfare sull’impossibile, rivelando il suo tributo personale per raggiungere l’eccellenza. Proprio quando il climber inizia il training, si innamora. Improvvisamente la corazza di invincibilità che ha costruito nel corso di decenni va in frantumi.

La sua capacità di concentrazione diminuisce, lasciando spazio a infortuni e battute d’arresto.

Vasarhelyi e Chin riescono a catturare momenti profondamente umani di Honnold e nel contempo a raccontare questa arrampicata che sfida la morte con riprese vertiginose. Il risultato è rappresentato in quello che il New York Times definisce Un’opportunità miracolosa per tutti noi di provare il sublime umano.

 

(Nella foto un momento di Free Solo)