Pubblicato il 07/02/2012, 10:47 | Scritto da La Redazione

TUTTI I SEGRETI DEL PANARIELLO DELLE “MERAVIGLIE”, A MARZO SU CANALE 5

TUTTI I SEGRETI DEL PANARIELLO DELLE “MERAVIGLIE”, A MARZO SU CANALE 5
A un mese dalla messa in onda, ecco lo show del comico toscano da 6 anni lontano dalle scene. Lo Studio 5 di Fiorello a Cinecittà, 1,5 milioni di euro il costo a puntata, un’ottima squadra di autori e una carrellata di possibili ospiti: da Renato Zero a Laura Pausini. Nell’opera di Carroll era Alice, […]

A un mese dalla messa in onda, ecco lo show del comico toscano da 6 anni lontano dalle scene. Lo Studio 5 di Fiorello a Cinecittà, 1,5 milioni di euro il costo a puntata, un’ottima squadra di autori e una carrellata di possibili ospiti: da Renato Zero a Laura Pausini.

Nell’opera di Carroll era Alice, oggi, Panariello… Nel paese delle Meraviglie. Lo spettacolo-varietà in quattro puntate, che andrà in onda su Canale5 a marzo (si parla del lunedì sera, ma fino a poco fa giovedì 8 sembrava la data più papabile) si preannuncia sotto le migliori stelle, o almeno è quello che si auspica l’attore-comico-conduttore che da sei anni si sta preparando all’evento. E di evento si deve trattare vista la nota attuale crisi Mediaset e quanto la struttura punti su questo spettacolo. Una bella responsabilità e una bella sfida, dal momento che di precedenti nelle reti del Biscione non ce ne sono: gli one man show non hanno mai funzionato come avrebbero dovuto/potuto. Salvo restando quel Checco Zalone, prodotto Zelig, che ciononostante oltre il 23% di share non è andato, con il confronto (per questioni temporali) con gli ascolti di un Fiorello da sfracelli oltre al 50 punti percentuali nello stesso periodo. Ma su Rai Uno, investimenti, stili ed economie diversi.

Il Paese delle Meraviglie di Panariello è composto da una squadra autorale che comprende le diverse comicità italiane, sia per le provenienze degli stessi, che per i personaggi racchiusi nel loro curriculum. C’è un Sergio Rubino (scuderia Presta), pugliese, con alle spalle un Fiorello e dell’ultimo Bonolis, sempre della stessa “appartenenza Bonolissiana” anche Marco Luci (sempre di Presta), romano, con l’aggiunta della Corrida edizione Insinna, e poi c’è Riccardo Cassini da Napoli (Fiorello da sempre e poi Hunziker, lo stesso Panariello e tutti i numeri uno del settore, nonché fratello del popolare Dario), Alessio Tagliento, direttamente da Zelig con la sua comicità milanese; Mario Audino, esperto di programmi televisivi già facente parte del team del Torno Sabato del comico toscano; Paolo Biamonte, romano, un pizzico di novità e guizzi con un passato e presente da giornalista, Ansa e Repubblica, in primis; tra gli altri pare che siano anche le idee della romana, Simona Ercolani (altra della scuderia Presta) e poi il fedele Walter Santillo, toscano, volto tv e radio, noto ai più anche per i collegamenti esterni di Carramba che sorpresa. Il tutto coordinato e diretto da Stefano Vicario, lo stesso che troveremo alla regia del prossimo Festival di Sanremo, che ha già firmato l’edizione Bonolis, e recentemente al comando della Corrida, sempre dell’edizione del Flavio attore.

Per questi “prestiti” e “incroci” di “giocatori” e “allenatori” non c’è da stupirsi, visto che Panariello e Insinna sono “uniti” professionalmente dalla stessa “mano”, che risponde al nome di Elena Metti, ex compagna di Panariello, oggi sempre vicina professionalmente al comico e, per una serie di professionalità perse ed acquisite, da un paio d’anni alla guida del management dello Sbirro di Rai Uno. L’“intreccio”, lo scambio e la frequentazione consequenziale, non ci farà stupire, di una ospitata dell’attore nel varietà del comico toscano, anzi, ce l’aspettiamo e l’attendiamo, visto anche il periodo previsto per la promozione del libro inedito di Insinna in uscita a fine febbraio e il suo passaggio a Mediaset di cui sarà prossimo alla conduzione del preserale, sempre che la registrazione della data zero sia come si preannuncia, all’altezza delle aspettative.

Un mondo eterogeneo e variegato, dicevamo, di “perle” che saranno maggiormente coordinate e create dall’illusionista Gaetano Triggiano, già intervistato da TVZOOM, e che, tra le altre cose, farà sparire Panariello dalla scena, cosa già provato e straprovato anche dall’ultimo spettacolo dal vivo Panariello non esiste. Sul palco, presenza femminile fissa, sarà la cantante Nina Zilli, ma ci saranno anche Vanessa Incontrada e la signora della tv Raffaella Carrà, ad assistere e accompagnare il presentatore ci sarà ovviamente una formazione musicale, o orchestra che dir si voglia, di cui tra gli altri, il Maestro Dario Rosciglione, già con Bonolis e confermato dal tour teatrale, e probabilmente anche il cantante Matteo Borghi, e altri elementi che rallegreranno lo spettacolo. Con Panariello, collaborerà Bill Goodson, il coreografo che ha lavorato anche con Michael Jackson e che promette una scenografia modello Las Vegas per lo show, mentre per le scenografie, ha contattato direttamente Dragone dal Cirque du Soleil.

Gli ospiti. Come da tradizionale formula del buon varietà, sono previsti ovviamente, gli ospiti. Confermati via “video” la presenza di Laura Pausini al Chiambretti Show nella monografica sulla cantante alla quale Panariello è intervenuto, Renato Zero, immancabile negli spettacoli del comico, e poi si attende anche Tiziano Ferro. Oltre al succitato Insinna. Sogno di Panariello sarebbe il richiestissimo Corrado Guzzanti, che, tra l’altro, potrebbe non essere inaccessibile, visti i rapporti con la Fep Group che legano sia Panariello in veste di management, che Guzzanti, almeno fino ai tempi di Sky. Si vociferano anche Negramaro, Michael Bublè e una serie di cantanti amici di Panariello sempre in virtù del rapporto con Fep, che gestisce le date dal vivo di tre quarti, se non di più, del “cantantato” italiano tra cui Pino Daniele, Mario Biondi, Biagio Antonacci e tantissimi altri. Ma sempre di quattro puntate, seppur delle Meraviglie con un costo a puntata da 1,5 milioni di euro, stiamo parlando, quindi, chissà su chi si baserà la scelta effettiva. Oltre ai consigli che lo stesso Panariello aveva chiesto direttamente al pubblico della rete, sui suoi profili Facebook e Twitter, come ormai ogni buon vip, dopo la sdoganatura di Fiorello, è propenso a sondare e tenere aggiornato.

Personaggi. Intanto, dopo le due prove generali in quel di San Gimignano, solita e scaramantica location di ritiro del comico per gli spettacoli, si torna al lavoro la prossima settimana, con molte probabilità, già al Studio 5 di Cinecittà da dove andrà in onda lo show, con nuovi personaggi e nuovi monologhi, e chissà se ci sarà Luingi protagonista anche degli spot Wind e lo strausato ma strapopolare Naomo, il Vaia, l’ubriaco del bar di provincia, l’Uomo Vogue e tutti quelli che stanno passando nel nuovo spot Mediaset, che annuncia lo spettacolo su cui compare anche la scritta anarchica del filosofo Bakunin «Una risata vi seppellirà»… di sicuro, ci stupirà.

 

Francesco Franchi

 

(Nella foto Giorgio Panariello)