Pubblicato il 24/04/2020, 19:01 | Scritto da La Redazione
Argomenti: ,

Con il pallone sgonfio nasce la fiction ‘Mercato’

Con il pallone sgonfio nasce la fiction ‘Mercato’
La nostra rassegna stampa, con gli estratti degli articoli più interessanti: Yvan Le Mèe, 44 anni, francese, uno dei più intraprendenti agenti internazionali (rappresentante tra gli altri di Mendy del Real Madrid e di Ayé del Brescia, in passato tra i protagonisti dei trasferimenti di Lemina, Benatia, Aubameyang) sta ingaggiando stelle internazionali e super- procuratori per raccontare il folle mondo delle compravendite di calciatori.

Così il mercato juve diventa una serie Tv: “E gli agenti sono veri”

TuttoSport, pagina 17, di Filippo Cornacchia.

Lanci di contratti sul gong, incontri segreti negli hotel, affari saltati e operazioni da milioni di euro. Il calciomercato sbarcherà al cinema. «La serie tv si chiama “Mercato”», racconta l’ideatore Yvan Le Mèe, uno dei più intraprendenti agenti internazionali. Il 44enne manager francese, rappresentante tra gli altri di Mendy del Real Madrid e di Ayé del Brescia, in passato è stato tra i protagonisti dei trasferimenti di Lemina, Benatia, Aubameyang…

Come è nata l’idea?

«Sono un appassionato di serie tv e a forra di guandame la notte quando il mio cellulare si calma un po; un giorno mi sono detto: ma perché non farne una sul calciomercato, dove spesso la verità è più incredibile della fiction… (risata). Cosl ho subito coinvolto altri protagonisti del mondo del pallone. Dall’ex presidente del Marsiglia Roussier a Romain Alessandrini, che a Los Angeles è stato compagno di Ibrahimovic, dal giornalista Benterld al produttore Peysson. Ma è solo l’inizio».

Cioè?

«Sarà una serie tv sul mercato europeo e mi piacerebbe coinvolgere come “special guest” dei vari episodi tanti personaggi de calcio. Ne ho già parlato con Jorge Mendes, il manager di Cristiano Ronaldo, e tra gli agenti vedrei bene anche Giovanni Branchini, Mino Raiola e magari anche una donna dinamica come Wanda Nara, moglie-agente di Icardi. Come presidenti e dirigenti sarebbero perfetti De Laurent is, che è uomo di cinema, ma anche Cellino, Agnelli, Paratici, Leonardo e Rummenigge. E tra gli allenatori Allegri, Wenger: Rudi Garcia, Ancelotti e Mourinho. Ma vogliamo far partecipare anche i giomalisti sportivi europei specializzati nel mercato. Per gli episodi italiani pensiamo anche a qualcuno di Tuttosport».

E tra giocatori?

«Alessandrini è stato compagno di Ibrahimovic e magari riuscirà a coinvolgere Zlatan. Con Jorge Mendes parlerà di Cristiano Ronaldo, che sarebbe il top. CR7 è bello, è già una stare poi ho letto una sua intervista nella quale diceva che a fine carriera vorrebbe studiare per diventare un attore di Hollywood. Potrebbe essere un primo passo. Vedremo… Coronavirus permettendo, le riprese dovrebbero cominciare a fine anno».