Pubblicato il 10/09/2019, 12:05 | Scritto da La Redazione

Oggi in edicola: pirateria del calcio trema! Barbara D’Urso la miracolata

Oggi in edicola: pirateria del calcio trema! Barbara D’Urso la miracolata
La nostra rassegna stampa della mattina, con gli estratti degli articoli più interessanti secondo noi: la Guardia di Finanza sferra un duro colpo ruba i diritti tv del calcio. La conduttrice di Canale5 racconta del suo incidente.

Svolta nei diritti tv del calcio, chiusi 114 siti Internet pirata

Il Sole 24 Ore, pagina 11, di Andrea Biondi

Partite di calcio, ma anche latri eventi sportivi, film e serie tv. Tutto trasmesso illegalmente da siti con server all’estero, situati nei Paesi dell’Est. Si chiama “Free Football” l’operazione – sviluppata dal Nucleo di Polizia Economico Finanziaria di Brescia congiuntamente al Nucleo Speciale Tutel Privacy e Frodi Tecnologiche della Guardia di Finanza di Roma, coordinata dalla Procura della Repubblica di Brescia – che ha permesso di oscurare 114 siti Internet. Un maxi blocco, se si guarda al numero, che è però anche indicativo di un fenomeno dalle dimensioni allarmanti, contro cui, da parte loro, anche Lega Serie A guidata dal presidente Gaetano Micciché e dall’ad Luigi De Siervo, come i licenziatari dei diritti audiovisivi per il massimo campionato, Sky e Dazn, hanno deciso di dar battaglia senza quartiere.

Barbara D’Urso: «Sono Wonder Woman, però ho rischiato grosso»

Il Giornale, pagina 24, di Laura Rio.

Dunque, Barbara, un miracolo o doti eccezionali?

«Vabbè, abbiamo giocato con Wonder Woman per il video promozionale di Live, in realtà mi sono salvata per un vero miracolo. Potevo morire. Quella lastra mi è arrivata tra l’orecchio e la mandibola. Pochi centimetri e potevo spaccarmi la testa o sfigurarmi».

E invece, dopo soli dieci giorni è già in pista.

«Merito delle cure dei medici dell’Humanitas, della fisioterapia, del collarino, degli antidolorifici. Non dormo di notte per i dolori, ma comunque sto meglio e la mente funziona».

Ma non si è neppure spaventata?

«Come no, da morire, ho capito che mi ero fatta male sul serio. È stato un trauma, ma io non mi fermo mai, reagisco. E questa vicenda mi ha insegnato ancora di più che la vita va vissuta con gioia e serenità perché in un attimo può cambiare tutto».

 

(Nella foto Barbara D’Urso)