Pubblicato il 03/07/2019, 18:01 | Scritto da La Redazione
Argomenti: ,

Tra denuncia sociale e meraviglie della natura: I viaggi di Simon Reeve su LAF

Tra denuncia sociale e meraviglie della natura: I viaggi di Simon Reeve su LAF
Simon Reeve racconta le particolarità del Mare Nostrum attraverso le persone che le vivono e che si impegnano per preservarle. Da giovedì 4 luglio alle 21 torna in prima tv assoluta su LAF (SKY 135) il giornalista BBC e reporter britannico con i suoi documentari.

I viaggi di Simon Reeve sono in onda da giovedì 4 luglio su LAF e disponibili su Sky Go e Sky On Demand

Simon Reeve racconta le particolarità del Mare Nostrum attraverso le persone che le vivono e si impegnano per preservarle. Da giovedì 4 luglio alle 21 torna in prima tv assoluta su LAF (SKY 135) il giornalista BBC e reporter britannico con i suoi documentari.

I viaggi di Simon Reeve punta ora i riflettori sul Mare Nostrum con tre reportage suddivisi in 8 episodi da un’ora ciascuno: Nel Mediterraneo (con tappe in Sicilia, Calabria, Matera e Puglia), In Turchia e In Grecia.

L’isola di Malta

All’inizio del primo reportage, Simon Reeve giunge nell’isola di Malta che, sotto l’immagine da cartolina, si rivela essere anche un Paese accusato da alcuni di riciclare denaro sporco e di ospitare il crimine organizzato. Destinazione successiva è la Calabria, dove Simon indaga i complessi aspetti della ‘Ndrangheta e attraversa un labirinto sotterraneo fatto di tunnel e bunker costruiti dai boss fuggitivi; a Brancaleone (RC) visita il Centro Recupero Tartarughe Marine, che ancora oggi sono minacciate dalle enormi quantità di plastica che si trovano in acqua e, assieme ai responsabili dell’attività, libera in mare Raoul, tartaruga assistita e curata nel centro.

Simon arriva poi a Matera, Capitale Europea della Cultura 2019 e Patrimonio Mondiale UNESCO per i suoi “sassi”, che negli ultimi anni ha visto un forte rinnovamento del turismo. Poi giunge in Puglia, regione famosa per la produzione di olio d’oliva che sta però affrontando un duro periodo di crisi a causa della Xylella, malattia che colpisce gli ulivi, facendoli seccare e morire.

L’ultima tappa è l’Albania, dove esplora una spettacolare riserva naturale di uccelli che, dopo il divieto di caccia di alcuni esemplari, si sta ripopolando.

Nella seconda parte del reportage, in onda l’11 luglio, Simon arriva in Israele, unendosi alla Marina che pattuglia la costa e proteggendo le riserve petrolifere del Paese con armi e tecnologie militari all’avanguardia; in Libia visita Leptis Magna, una delle antiche urbes romane meglio conservate grazie ad alcuni giovani volontari che hanno rischiato la vita per proteggere il sito storico. Passando per il deserto della Tunisia, Simon conosce un uomo che produce olio d’oliva e scava a mano la roccia per costruire nuove case berbere; giunto in Sicilia, incontra le sorelle Napoli, che dal 2006 denunciano e combattono tenacemente le intimidazioni mafiose e, successivamente, dopo aver visto un vasto numero di delfini e balene sopravvivere schivando traghetti, navi portacontainer e petroliere, si reca in Costa Blanca, a Benidorm, regione famosa per avere il grattacielo residenziale più alto d’Europa.

In Turchia

Nel reportage In Turchia, in onda il 18 luglio, Simon visita Istanbul, le spiagge e le acque cristalline del Mar Egeo, prima di raggiungere il confine devastato dalla guerra con la Siria. Qui incontra un produttore che sta cercando di vendere vino in un Paese musulmano con un governo sempre più conservatore e alcuni personaggi che fanno parte dell’élite turca. Simon si dirige poi verso la costa del Mar Nero, dove incontra prima un ambientalista che protegge gli orsi bruni e poi gli abitanti di alcuni villaggi che ancora comunicano usando l’antica “lingua degli uccelli”.

 

(Nella foto, Simon Reeve)