Pubblicato il 02/06/2018, 17:30 | Scritto da F. Canzonettari
Tag:

Le indimenticabili sigle della TV: “Le inchieste del Commissario Maigret”

Le indimenticabili sigle della TV: “Le inchieste del Commissario Maigret”
Le canzoni, come sigla – iniziale o finale – di un programma televisivo, non s’usano più molto, o almeno non si usano più nello stesso modo. Ma agli inizi della storia della televisione italiana sono state molte le canzoni che, dall’essere proposte come sigle di apertura o chiusura di un programma, sono diventate grandi successi […]

Le canzoni, come sigla – iniziale o finale – di un programma televisivo, non s’usano più molto, o almeno non si usano più nello stesso modo. Ma agli inizi della storia della televisione italiana sono state molte le canzoni che, dall’essere proposte come sigle di apertura o chiusura di un programma, sono diventate grandi successi popolari. Mi fa piacere riproporvene qualcuna.

“Le inchieste del commissario Maigret” è stata una serie televisiva di sedici sceneggiati, in bianco e nero, tratti da altrettanti romanzi e racconti di Georges Simenon che hanno per protagonista il Commissario Maigret.
Gli episodi furono divisi in quattro stagioni, per un totale di trentacinque puntate, andate in onda sul Programma Nazionale dal 1964 al 1972 per la regia di Mario Landi, con Gino Cervi nel ruolo di Maigret e Andreina Pagnani in quello della signora Maigret.

Altri interpreti fissi erano gli attori che impersonavano gli ispettori coadiuvanti il Commissario Maigret: Mario Maranzana (ispettore Lucas), Manlio Busoni (ispettore Torrence), Daniele Tedeschi (ispettore Janvier), Gianni Musy (il giovane Lapointe), e altri personaggi fissi: Oreste Lionello (il dottor Moers) e Franco Volpi (il giudice Comélieau). Ma nelle puntate della serie sono comparsi moltissimi altri grandi nomi del teatro, del cinema e delle TV italiana: Sergio Tofano, Marisa Merlini, Arnoldo Foà, Ugo Pagliai, Marina Malfatti, Loretta Goggi, Leopoldo Trieste, Gian Maria Volonté, Giuseppe Pambieri, Lydia Alfonsi, Cesco Baseggio, Vittorio Congia, Carlo Hintermann, Angela Luce, Anna Mazzamauro, Didi Perego, Silvano Tranquilli, Giusi Raspani Dandolo.

Il delegato di produzione per la RAI era Andrea Camilleri, ancora lontano dal diventare famoso come “papà” del commissario Montalbano (personaggio che deve più di un tratto a Maigret, e quindi a Simenon). La regia era di Mario Landi.

Il successo di pubblico e di critica degli sceneggiati fu vivissimo, e di Gino Cervi – indimenticabile Maigret, come è stato anche un indimenticabile Peppone nei film della serie “Don Camillo” tratti dai racconti di Guareschi – lo stesso Simenon ebbe a dire “E’ lui il mio Maigret” (un elogio grandissimo, considerando che in Francia i tre film con protagonista il commissario Maigret erano stati interpretati nientemeno che da Jean Gabin).

Ognuna delle stagioni di programmazione dello sceneggiato ebbe sigle iniziali e finali differenti.
Ecco quelle che abbiamo scelto di farvi riascoltare.

Sigla iniziale della prima stagione: “Le mal de Paris”, cantata da Marcel Mouloudji.

Sigla finale della seconda stagione: “Un giorno dopo l’altro”, cantata da Luigi Tenco.

Sigla finale della terza stagione: “Frin frin frin”, cantata da Tony Renis.

Sigla iniziale della quarta stagione: “Il respiro di Parigi”, cantata da Amanda.

Già pubblicata:  https://www.tvzoom.it/2018/05/26/65726/sigle-tv-musichiere/