Pubblicato il 25/10/2017, 13:35 | Scritto da La Redazione
Argomenti: , ,

Stop alle bollette a 28 giorni per tv e telefoni: la proposta in senato

Stop alle bollette a 28 giorni per tv e telefoni: la proposta in senato
In Senato arriva una proposta parlamentare che replica il progetto di legge della Camera e inasprisce le sanzioni. Scontro Mise-operatori, Calenda: "E' una pratica scorretta, per me ci devono essere rimborsi". Così su "Repubblica".

Telefonia e pay-tv: stop bollette a 28 giorni, ecco l’emendamento del Pd

Rassegna stampa: La Repubblica.

MILANO – Stop alla fatturazione ogni 28 giorni da parte dei gestori di telefonia o televisioni a pagamento. E’ quanto prevede un emendamento del Partito democratico (primo firmatario Stefano Esposito) al decreto fiscale che anticipa la legge di Bilancio: è stato depositato in commissione Bilancio del Senato. La proposta di modifica stabilisce che le bollette siano “su base mensile o multipli”.

Il testo ripercorre le indicazioni presentate – in forma di progetto di legge – dall’onorevole democratica Alessia Morani, alla Camera soltanto pochi giorni fa. L’iniziativa parlamentare ha già trovato d’altra parte la sponda dell’Agcom, che ha avviato procedimenti sanzionatori e chiesto maggiori poteri.

Il ministro dello Sviluppo economico, Carlo Calenda, ha sempre confermato il proprio sostegno sul punto, da ultimo nel videoforum in diretta su Repubblica.it. Anche oggi, a margine di una audizione alla Camera, lo stesso ministro ha chiarito che ci sarà una misura “pro-futuro”. Ha fatto però riferimento alla Manovra: resta da vedere dunque quale sarà il testo di legge sul quale verrà innestata la misura.

Come ricostruisce Repubblica in edicola, le grandi compagnie sarebbero anche pronte a tornare indietro alla fatturazione mensile, vista la pressione ormai crescente da ogni parte, ma chiedono al governo una sorta di periodo di moratoria sulla possibilitù dei clienti di recedere dai contratti. In sostanza, vorrebbero far scattare degli aumenti tariffari per il 2018 in concomitanza con il ritorno alle 12 bollette, in modo da spalmare gli stessi incassi annui su meno fatture ma senza perdere introiti per i loro conti economici. Se così facessero, dovrebbero concedere ai clienti la possibilità del recesso gratuito. Temendo però una corsa al ribasso da parte di alcune compagnie, alcune società suggeriscono di congelare questo diritto per i consumatori.

Ufficialmente, Asstel in una nota “precisa di aver chiesto, per conto di tutti gli operatori telefonici associati, di poter incontrare quanto prima tanto il ministro dello Sviluppo Calenda, che i parlamentari promotori dei disegni di legge sul tema.

Asstel ribadisce altresì che gli operatori telefonici che propongono un periodo di fatturazione a 28 giorni hanno adottato comportamenti legittimi in quanto la tariffazione è a tutti gli effetti una componente dell’offerta commerciale”.

Non sembrano pensarla così dal Mise, dove fanno filtrare che la tariffazione a 28 giorni “rappresenta una pratica commerciale scorretta che verrà esplicitamente vietata attraverso appositi strumenti legislativi nelle prossime settimane”. Per quanto riguarda la sanzione delle passate condotte – continuano le fonti – la valutazione spetta all’Agcom ma l’auspicio del Ministero è che i consumatori siano rimborsati. Posizione che fa subito esultare il Codacons e che viene confermata dallo stesso Calenda: “Il tema che non riguarda me è il pregresso”, ha precisato il ministro. “E’ chiarissimo che si tratti di una pratica commerciale scorretta”. A chi gli chiedeva se potesse incontrare le società, Calenda ha detto: “Possiamo incontrarli o meno ma il tema per noi è già definito”. Il Garante stima che il maggiore fatturato che viene da Internet, fisso, sim in abbinamento con la fatturazione a 28 giorni sia arrivato addirittura alla cifra di un miliardo di euro, mentre le armi sanzionatorie si limitano a cartucce per circa un milione.

Nell’emendamento presentato al Senato in replica alla proposta della Camera, si rafforzano le sanzioni in caso di violazione. Si prevede, si legge, “una sanzione pecuniaria da 500mila euro a 5 milioni” e “si dispone a carico dell’operatore sanzionato il pagamento di un indennizzo forfetario, non inferiore a 50 euro, in favore di ciascun utente interessato dalla illegittima fatturazione”. “I contratti di fornitura nei servizi di pubblica utilità – si legge nella proposta di modifica – prevedono la cadenza di rinnovo delle offerte e della fatturazione dei servizi, ad esclusione di quelli promozionali a carattere temporaneo o stagionale, su base mensile o suoi multipli”.

 

(Nella foto un’immagine di repertorio)