Pubblicato il 28/02/2019, 17:02 | Scritto da Carlo G. Lanzi
Argomenti:

Il nome della rosa: dal 4 marzo la serie tv su Rai1

Il nome della rosa: dal 4 marzo la serie tv su Rai1
Il romanzo di Umberto Eco portato in quattro puntate sull’ammiraglia di viale Mazzini, con John Turturro, Rupert Everett, Fabrizio Bentivoglio, Greta Scarano.

Il nome della rosa dal 4 marzo su Rai1 alle 21.25

Il romanzo del 1980 di Umberto Eco, Il nome della rosa, dopo il successo del film del 1986 con Sean Connery, diventa una serie tv, in onda dal 4 marzo su Rai1 in prima serata.

Prodotta da
11 Marzo Film, Palomar
con Tele München Group in collaborazione con Rai Fiction, la serie diretta da Giacomo Battiato è interpretata da John Turturro, Rupert Everett, Damian Hardung, Fabrizio Bentivoglio, Greta Scarano, Richard Sammel, Stefano Fresi, Roberto Herlitzka, con la partecipazione straordinaria di Alessio Boni
con Sebastian Koch, James Cosmo
e con Michael Emerson nel ruolo dell’Abate.

La trama

Nord-Italia, anno 1327. Il frate Guglielmo da Baskerville raggiunge un’isolata abbazia benedettina sulle Alpi. Lo attende una Disputa importante: dovrà rappresentare l’Ordine francescano, sostenuto da Ludovico di Baviera, futuro Imperatore del Sacro Romano Impero e minacciato dal potere temporale del Papa francese Giovanni XXII.

Adso, un giovane novizio benedettino, segue Guglielmo. Rinnegato il destino impostogli dal padre, barone al seguito dell’Imperatore, Adso lo ha scelto come guida per il suo cammino spirituale.
L’abbazia, al loro arrivo, si presenta subito come un luogo inquietante, con una biblioteca che custodisce manoscritti di inestimabile valore e dove tuttavia aleggia più di un mistero.

L’assassinio del monaco Adelmo dà il via a una serie intricata di eventi delittuosi che coinvolgono, uno alla volta, i monaci dell’abbazia. Guglielmo, su mandato dell’Abate Abbone, dovrà indagare sull’identità e sul movente del misterioso assassino seriale per arrivare alla risoluzione del caso, prima che la disputa teologica tra la delegazione francescana e quella papale, capeggiata dal feroce inquisitore domenicano Bernardo Gui, abbia inizio. Un’indagine che ha tenuto con il fiato sospeso intere generazioni di lettori nel mondo.

GUARDA LA CLIP

 

 

(Nella foto di Fabio Lovino Il nome della rosa)