Eleonora Andreatta – Rai

Eleonora Andreatta – Rai

(Nata a Bologna nel 1964)

Figlia del troppo frettolosamente dimenticato economista e ministro Beniamino, Eleonora, detta “Tinny” (pare che all’origine del soprannome ci sia un viaggio in India fatto dai genitori), è l’enfant prodige della fiction italiana. Enfant, ovviamente, calcolando l’età media dei manager del Paese. Difficile trovare qualcuno che abbia parlato o parli male di lei. Inevitabilmente fa parte dello straricco manipolo dei ‘figli di’ che alloggiano quotidianamente in Rai, ma nel suo caso, si può dire, che il merito sa cos’è. Laureata in letteratura italiana all’Università di Bologna, ha seguito corsi, seminari, si è fatta le ossa e ha imparato il mestiere con umiltà, e non è cosa da poco. Prima di entrare in Rai ha lavorato all’Academy Pictures e questo le ha dato anche una visione cinematografica che la aiuta. Alle prese con la maggior responsabilità della sua carriera, direzione di Raifiction, dovrà dimostrare che quanto di buono si dice di lei è confermato dai fatti riuscendo a conciliare i conti con gli ascolti della fiction, provando anche a sprovincializzarla per tentare di ringiovanire il pubblico Rai. Operazione, per la verità, assai complicata e piuttosto rischiosa.

Correlati

10/09/2012 10:36
(Nata a Bologna nel 1964) Figlia del troppo frettolosamente dimenticato economista e ministro Beniamino, Eleonora, detta “Tinny” (pare che all’origine del soprannome ci sia un viaggio in India fatto dai genitori), è l’enfant prodige della fiction italiana. Enfant, ovviamente, calcolando l’età media dei manager del Paese. Difficile trovare qualcuno che abbia parlato o parli male […]
19/04/2017 12:30
Buon esordio di Di padre in figlia, che domina ottenendo il 24,24% e toccando nel finale il 29%. Cologno si difende bene con Il Segreto su Canale 5 e con il film Red su Italia1, malissimo con la commedia La fidanzata di papà su Rete 4. Floris batte Berlinguer, partendo più forte e rimanendo in testa fino alle 23.15. Cartabianca attrae più zapping da Rai1 in seconda serata.
07/10/2016 11:33
La furia di Maggioni e Campo Dall'Orto. I dirigenti rifiutano il tetto di 240mila euro per gli stipendi, e si ritrovano con meno poteri perché l‘Istat inserisce la tv di Stato tra gli enti pubblici. Così Enrico Paoli su “Libero”.
24/07/2016 12:00
A poche ore dal piano per la trasparenza di viale Mazzini, che prevede la pubblicazione online degli stipendi dei dipendenti - star escluse, giornalisti inclusi -- che guadagnano oltre i 200 mila euro, e dei consulenti che sforano gli 80 mila, filtrano, inevitabili, le indiscrezioni. Così su Il Corriere della Sera.