RAI

Nome: Rai

Anno di fondazione: 3 gennaio 1954

Fondatore: Governo italiano

Proprietà: Ministero dell’economia e delle finanze (99,56%), SIAE (0,44%)

Presidente: Marcello Foa

Amministratore delegato: Fabrizio Salini

Sede: viale Mazzini, Roma

Fatturato: 2,4 miliardi di euro (2014)

Dipendenti: 11.634 (2014)

La Radiotelevisione Italiana Spa è la società per azioni, controllata dal Governo italiano, che ha la concessione in esclusiva del servizio pubblico radiotelevisivo. Le trasmissioni Rai sono iniziate il 3 gennaio 1954, quando è comparsa in video l’annunciatrice Fulvia Colombo.

Le reti mandate in onda sono: Rai1, Rai2, Rai3, Rai4, Rai5, Rai Movie, Rai Premium, Rai Gulp, Rai Yoyo, RaiNews24, Rai Storia, Rai Sport e Rai Scuola.

Oltre ad avere anche canali radiofonici, tra i quali: Rai Radio1, Rai Radio2, Rai Radio3, Rai Gr Parlamento, Rai Radio Classica, Rai Isoradio.

 

La guerra fra Rai e Mediaset (in danno dei telespettatori)
La nostra rassegna stampa, con gli estratti degli articoli più interessanti: improvvisi cambiamenti di palinsesto per creare difficoltà alla prima puntata di un nuovo programma. Con “Montalbano” usato come un siluro. E la fiction nemica che scappa. Risultato: una beffa continua di chi fa tv ai danni di chi la tv la guarda.
Pubblicato il 17/09/2021 15:02 in News
Argomenti: -
Rai: ha ancora senso perdere soldi per la tv di San Marino?
La nostra rassegna stampa, con gli estratti degli articoli più interessanti: la prima nomina per il nuovo ad di viale Mazzini è quella del capo della televisione del piccolo stato, controllata al 50% dalla tv di Stato italiana.
Pubblicato il 08/09/2021 17:05 in News
Argomenti:
Rai: Fuortes annuncia la sua rivoluzione. Ce la farà?
La nostra rassegna stampa, con gli estratti degli articoli più interessanti: annuncio del dg ai direttori. Ci sono 300 milioni di disavanzo, stretta o libri in tribunale. Riforma entro dicembre: solo 9 direzioni tematiche, prepensionamenti e basta esterni.
Pubblicato il 12/08/2021 12:35 in News
Argomenti: -
Rai: arriva la mannaia di Carlo Fuortes
La nostra rassegna stampa, con gli estratti degli articoli più interessanti: il nuovo amministratore delegato vara una sforbiciata che tocca telegiornali e reti per azzerare il deficit ereditato. «In tre anni l'azienda ha peggiorato i conti di 300 milioni».
Pubblicato il 09/08/2021 12:33 in News
Argomenti: -