RAI

Nome: Rai

Anno di fondazione: 3 gennaio 1954

Fondatore: Governo italiano

Proprietà: Ministero dell’economia e delle finanze (99,56%), SIAE (0,44%)

Presidente: Marcello Foa

Amministratore delegato: Fabrizio Salini

Sede: viale Mazzini, Roma

Fatturato: 2,4 miliardi di euro (2014)

Dipendenti: 11.634 (2014)

La Radiotelevisione Italiana Spa è la società per azioni, controllata dal Governo italiano, che ha la concessione in esclusiva del servizio pubblico radiotelevisivo. Le trasmissioni Rai sono iniziate il 3 gennaio 1954, quando è comparsa in video l’annunciatrice Fulvia Colombo.

Le reti mandate in onda sono: Rai1, Rai2, Rai3, Rai4, Rai5, Rai Movie, Rai Premium, Rai Gulp, Rai Yoyo, RaiNews24, Rai Storia, Rai Sport e Rai Scuola.

Oltre ad avere anche canali radiofonici, tra i quali: Rai Radio1, Rai Radio2, Rai Radio3, Rai Gr Parlamento, Rai Radio Classica, Rai Isoradio.

 

Rassegna Stampa: Il doc di Rosi esempio per la Rai
Ancora un premio per GianfrancoRosi, dopo il Leone d'oro a Venezia con Sacro GRA, l'Orso d'oro a Berlino con Fuocoammare. Il film-documentario prodotto da RaiCinema è l'esempio di ciò che dovrebbe fare il servizio pubblico. Così su Il Fatto Quotidiano.
Pubblicato il 27/02/2016 16:01 in RASSEGNA STAMPA
Argomenti:
Verdelli: in Rainews fermi al ‘900, non useremo il Cencelli – La class action è già pronta per il canone Rai
Il nuovo direttore editoriale di Viale Mazzini ha spiegato la sua linea nella scelta dei direttori dei Tg. E poi associazioni di consumatori, avvocati civilisti e penalisti, costituzionalisti insieme contro “l'imposta più odiata dal 1938 a oggi” nella fattura dell'energia elettrica.
Pubblicato il 25/02/2016 13:35 in RASSEGNA STAMPA
Argomenti: - - -
Rassegna Stampa – Vittorio Feltri: Sulle nomine Rai il cliente(lismo) ha sempre ragione
Le nomine Rai suscitano polemiche da sempre. Anche ai tempi del dominio assoluto della Democrazia cristiana, considerato il partito mamma, ogni qualvolta si trattava di assumere o promuovere direttori e dirigenti vari, c'era chi, scandalizzato, berciava, si lanciava in interrogazioni parlamentari, rilasciava interviste al vetriolo. Così su Il Giornale.
Pubblicato il 21/02/2016 14:01 in RASSEGNA STAMPA
Argomenti:
Rassegna Stampa: Altre nomine in Rai, Berlinguer via
Il giro di valzer ai telegiornali non dovrebbe scattare prima delle elezioni comunali di giugno. Il borsino dei direttori può variare, ma a oggi è così: riconferma di Mario Orfeo al Tg1, addio di Marcello Masi (Tg2) e Bianca Berlinguer (Tg3). Così su Il Fatto Quotidiano.
Pubblicato il 20/02/2016 14:01 in RASSEGNA STAMPA
Argomenti: -