Antonio Campo Dall’Orto – Domani

Antonio Campo Dall’Orto – Domani

(Nato a Conegliano nel 1964)

Era il primo nome uscito nel toto per il primo Direttore Generale della Rai di Matteo Renzi e così è stato il 5 agosto 2015. Laureato a Venezia in Economia, nel 1992 è vicedirettore di Canale 5. Nel 1997 gli viene dato in mano il lancio di Mtv Italia e due anni dopo diventa amministratore delegato di Mtv Network Southern Europe, Middle East and Africa, oggi Viacom. Nel 2000 diventa amministratore delegato di MTV Italia e presidente di MTV Pubblicità. Nel 2004 viene nominato direttore di La7 , continuando a mantenere anche la guida di MTV (in questo modo dirige entrambe le reti del gruppo Telecom Italia Media). Sempre nel 2004 assume la carica di direttore generale Television di Telecom Italia Media. Nel 2007 diventa amministratore delegato Telecom Italia Media. Nel 2008 torna in Viacom, continuando a mantenere anche la guida di MTV Italia. Nel 2014 Matteo Renzi lo “parcheggia” nel cda di Poste Italiane, in attesa della nomina al vertice di Viale Mazzini, che arriva l’anno dopo. È sposato con l’attrice e modella Mandala Tayde. Ha dato le dimissioni dalla Rai nel giugno 2017. Il 2 novembre 2020 è stato nominato Presidente del Consiglio d’amministrazione di Domani, la casa editrice che pubblica il quotidiano Domani, voluto da Carlo De Benedetti.

 

 

Correlati

03/11/2020 19:34
La nostra rassegna stampa, con gli estratti degli articoli più interessanti: l’ex direttore generale della Rai (dal 2015 al 2017) è il nuovo presidente di “Domani”, il quotidiano di Carlo De Benedetti. Prende il posto del senatore Luigi Zanda (Pd).
20/07/2016 12:32
Il direttore generale di viale Mazzini a un anno dall'insediamento: “Il progetto si chiama Rai Academy, investiremo 15 milioni di euro. Per restare forti bisogna essere aggiornati”. Così Mario Ajello su “Il Messaggero”.
31/07/2016 12:05
Campo Dall'Orto scioglie l'ultimo nodo. In queste ore le scelte, mercoledì il Cda vota. Al Tg1 resterà Orfeo, Ida Colucci al Tg2. Per la guida del Tg3 c'è l'ipotesi Mannoni. Così Alberto Gentili su “Il Messaggero”.