Pubblicato il 13/07/2021, 15:03 | Scritto da La Redazione
Argomenti: , ,

La Nazionale in tv ti fa ricca

La Nazionale in tv ti fa ricca
La nostra rassegna stampa, con gli estratti degli articoli più interessanti: fiume di denaro per Rai e Sky con gli Europei vinti dagli Azzurri. Il boom degli ascolti ha ripagato gli investitori che hanno scommesso 65 milioni su Rai e 25 milioni su Sky.

Euro2020 frutta 65 milioni di spot alla Rai: alla tv il 70% della spesa totale

MF – Milano Finanza, pagina 2, di Andrea Montanari.

Il boom di ascolti degli Europei di calcio in tv, con la finale vinta dall’Italia vista dal 73,7% del pubblico del piccolo schermo (ricco del 78,7% per i rigori) ha dato slancio alla raccolta pubblicità complessiva e in particolare a quella della Rai che trasmetteva l’evento e a quella di Sky che aveva acquisito i diritti di tutte le partite: i match dell’Italia hanno fatto registrare una media d’ascolto di due milioni di spettatori, con la sfida con l’Inghilterra che ha superato i 2,4 milioni, pari a uno share del 9,9%. In particolare, secondo indiscrezioni di mercato la tv di Stato ha incamerato 65 milioni di spot mentre la pay tv satellitare si è attestata sui 20-25 milioni. Va ricordato che nel 2018, in occasione dei Mondiali di Russia (per i quali l’Italia non si era qualificata), Mediaset aveva incassato 100 milioni di spot.

Tornando alla Rai, tra calcio (Euro2020) e musica (Festival di Sanremo) Viale Mazzini – che ha appena rinnovato i vertici con le indicazioni da parte del Governo del nuovo presidente, Marinella Soldi, e dell’ad, Carlo Fuortes – sfonda il muro dei 100 milioni, visto che l’evento canoro di febbraio aveva garantito 38 milioni di introiti pubblicitari. E se l’evento sportivo ha catalizzato l’attenzione delle aziende nel mese di giugno – si attendono poi le Olimpiadi di Tokyo in programma dal 23 luglio all’8 agosto – è altrettanto vero che la televisione continua a vestire la parte del leone per quel che attiene la spesa in advertising.

L’andamento del mercato

Come è emerso dai dati Nielsen relativi a primi 5 mesi dall’anno, il piccolo schermo con 1,615 miliardi (+30,4% sullo stesso periodo del 2020) ha catalizzato il 70,6% degli investimenti totali del mercato italiano che si è attestato a 2,29 miliardi (+23,7%). Un dato in linea con quello registrato a fine aprile e in leggero calo rispetto al valore al 31 marzo (71,3%) ma superiore alla percentuale del periodo gennaio-maggio 2020 (67%). Andando ad analizzare i numeri del business televisivo risulta che Mediaset continui a dominare la scena con una raccolta lorda di 892,4 milioni (+34%) per un’incidenza sul settore tv del 55,2% e il 39% del mercato complessivo. La Rai si è attestata a 339,55 milioni (+20,1%), mentre Sky Italia è arrivata a 205,4 milioni (+38,5%) e Discovery ha raccolto 103,65 milioni (+31,6%) e, infine, La7 è arrivata a 74,9 milioni (+18%).
(Continua su MF – Milano Finanza)

 

(Nella foto la Nazionale)