Pubblicato il 13/07/2021, 14:05 | Scritto da La Redazione
Argomenti: ,

Pioggia di nomine a Saxa Rubra prima che cambi tutto

Pioggia di nomine a Saxa Rubra prima che cambi tutto
La nostra rassegna stampa, con gli estratti degli articoli più interessanti: in un mix di spinte politiche e rapporti parentali, sarabanda di promozioni, spostamenti e cambi che mettono al sicuro una folla di giornalisti bene ammanicati.

Mogli, cognati e “generali”. Rai, ultimo giro di promossi

Il Fatto Quotidiano, pagina 16, di Massimo Franchi.

Una lenzuolata di promozioni. Fatte in zona Cesarini o quasi. Nelle ultime settimane e mesi, con il vertice in scadenza e in attesa del prossimo, nelle testate e nei telegiornali della Rai si è proceduto a un bel pacchetto di nomine e promozioni. Molte di queste giustificate dalle necessità operative: un posto di caposervizio mancante da tempo di qua, un ruolo di caporedattore vacante di là. Assolutamente necessarie al buon funzionamento di notiziari e tg. Altre, come spesso accade in Rai, che invece rispondono ad altre logiche, come accontentare la forza politica di turno, magari con veri e propri premi in carriera, ovvero promozioni date a chi ne faceva richiesta da tempo (con conseguente scatto di grado e di stipendio), continuando però a svolgere l’identico lavoro di prima. Ma, si sa, nei tg Rai ci sono più graduati che redattori.

Un vero campione di promozioni è il direttore di Rai Parlamento Antonio Preziosi, che ha nominato tre vicecaporedattori e tre caposervizio. Parecchio per una testata che produce due tg flash da tre minuti e uno da sei minuti al giorno. Tra i promossi a vicecaporedattore c’è Federica Corsini, moglie del direttore del Tg2 Gennaro Sangiuliano. Ma da queste parti potrebbe arrivare presto, dalla Sardegna, Incoronata Boccia, attuale vicecaporedattrice a Cagliari, moglie di Ignazio Artizzu, un ex Rai che ora è capo ufficio stampa del governatore Christian Solinas. Con la benedizione del consigliere meloniano Giampaolo Rossi. A Rai Parlamento su 40 giornalisti solo 5 sono redattori ordinari. Molti generali, ma pochissime truppe.

Promozioni anche al Tg1 e al Tg3

Pure altrove, però, non si scherza. Come al Tg1 diretto da Giuseppe Carboni (pare vicino al M5S). Tra gli ultimi avanzamenti ci sono quelli di Paolo Sommaruga agli spettacoli, Andrea Bovio e Susanna Lemma, moglie di Antonio Preziosi, diventata caposervizio. Anche Mario Orfeo (pare vicino al Pd), nel suo Tg3 s’è dato parecchio da fare. Di recente qui c’è stata un’infornata di vicecaporedattori, tutti nominati col manuale Cencelli per non scontentare nessuno. Promossi sono stati Alessia Schiaffini, Valeria Collevecchio, Luca Patrignani e Flavia Paone. Numerose pure le promozioni a Rainews, dove direttore è Andrea Vianello (pare vicino al Pd). Da gennaio in poi sono stati fatti tre nuovi caporedattori: Alessandra Baldoni, Paolo Poggio e Valerio Cataldi (quest’ultimo è il cognato di Roberto Gualtieri). Poi tre vicecaporedattori: Cristina Prezioso, Mario Forenza e Monica Moretti. E una sfilza di capiservizio: Andrea Gerli, Fabrizio Angeli, Anna Trebbi, Sabrina Bellomo e Francesca Piatanesi.

Infine, la Tgr diretta da Alessandro Casarin (pare vicino alla Lega), dove in Umbria è arrivato (dal Veneto) e promosso caporedattore Luca Ginetto. E qui i sussurri dicono sia una scelta per dare man forte alla governatrice leghista Donatella Tesei. Così come quella di inviare Andrea Caglieris come caporedattore in Sardegna (dal Piemonte) in supporto di Solinas.
(Continua su Il Fatto Quotidiano)

 

(Nella foto la sede Rai di Saxa Rubra)