Pubblicato il 14/06/2021, 14:35 | Scritto da La Redazione
Argomenti: , ,

Amazon ha in mano la Serie A francese. Vivendi si infuria

Amazon ha in mano la Serie A francese. Vivendi si infuria
La nostra rassegna stampa, con gli estratti degli articoli più interessanti: la Lega calcio transalpina ha scelto il gigante dell’e-commerce per sostituire Mediapro, rifiutando l’offerta combinata di Canal+ e BeIN Sports. E ora gli ex rivali di Mediaset (proprietari di Canal+) minacciano fuoco e fiamme.

Il calcio francese scommette su Amazon

Le Monde, pagina 17, di Cassini Sandrine e Martel Clément.

Sei mesi dopo il fallimento della breve vita di Mediapro, il calcio francese continua a vivere al ritmo di psicodrammi e colpi di scena. Venerdì 11 giugno, il consiglio di amministrazione della Lega francese di calcio professionale (LFP) ha scelto Amazon per sostituire Mediapro dopo un processo di consultazione in cui il gigante della vendita online si è opposto a un tandem formato da Canal+ e BeIN Sports. Il gruppo americano diventa il nuovo partner principale della Ligue1 e della Ligue2 francese. Per 250 milioni di euro all’anno, trasmetterà otto delle dieci partite al giorno della Ligue1 dalla prossima stagione per tre anni, comprese le dieci migliori partite e la partita della domenica sera per le stagioni 2021-2024. Pagherà anche 25 milioni di euro per la produzione e 9 milioni di euro per otto partite di Ligue2. Aggiunto ai diritti già detenuti da Canal+, BeIN Sports e Free, la LFP dovrebbe intascare 663 milioni di euro all’anno. Di fronte ad Amazon, Canal+, aveva offerto 370 milioni di euro per due partite premium per fine settimana, compresa la domenica sera, e BeIN Sports 165 milioni di euro. In questo schema, che comprende anche Free, la LFP avrebbe ricevuto 595 milioni di euro, e un importo variabile di 78 milioni di euro, per un totale di 673 milioni di euro.

Ma la scelta di Amazon è stata fatta all’unanimità dal consiglio di amministrazione, meno un’astensione, quella di François Morinière, ex capo de L’Equipe, che temeva che Canal+ avrebbe iniziato una guerra. La filiale di Vivendi lo ha fatto immediatamente, pubblicando un comunicato vendicativo che indicava il suo “ritiro dalla Ligue1”. Un altro bluff? Canal+ è ancora sotto contratto con la LFP. Sub-licenzia a BeIN Sports il “lotto 3”, cioè due partite al giorno, compresa quella del sabato sera, acquisito a caro prezzo nel 2018 per 332 milioni di euro all’anno. È infatti questo contratto che non intende più rispettare cessando di trasmettere le partite e pagare BeIN Sports. Il Qatar è solidale con la filiale di Vivendi. In tribunale, i due alleati intendono dichiarare il danno. Fanno notare che Amazon vince l’80% della concorrenza per 250 milioni di euro, lo stesso vinto da Mediapro per 780 milioni. E questo mentre da parte loro rimangono bloccati con un premio relativamente più costoso. BeIN Sports paga anche 30 milioni di euro per due partite di Ligue2 rispetto ai 9 milioni di Amazon per il resto delle partite.

Le ritorsioni

La ritorsione di Canal+ non è una sorpresa per la LFP. Il gruppo di pay-tv gli aveva assicurato che avrebbe messo in discussione il suo contratto, come BeIN Sports o Free, se avesse portato un nuovo giocatore, assicura una fonte all’interno del consiglio. E quindi sarebbero a rischio 406 milioni di euro di diritti. Ma le ultime vittorie legali hanno rafforzato il LFP nelle sue scelte. Canal+ ha tentato due volte di rompere il suo contratto, prima davanti al tribunale commerciale, poi davanti all’Autorità della concorrenza, che lo ha respinto venerdì 11 giugno. Resta da vedere se BeIN Sports arriverà al punto di non rispettare il suo contratto con la Lega calcio francese (LFP) quando il suo presidente, Nasser Al-Khelaïfi, è anche il capo del PSG, uno dei più grandi club della lega.
(Continua su Le Monde)

 

(Nella foto una partita di Ligue1)