Pubblicato il 08/06/2021, 19:05 | Scritto da La Redazione

Milena Gabanelli blocca i giochi di potere in Rai

Milena Gabanelli blocca i giochi di potere in Rai
La nostra rassegna stampa, con gli estratti degli articoli più interessanti: con la proposta di nominarla presidente, il Movimento 5 Stelle sbarra (per ora) la strada al premier Mario Draghi. Che vorrebbe un ticket indipendente ai vertici del servizio pubblico. Naturalmente, tanto per cambiare, si prevedono battaglie e polemiche.

Scontro per il futuro cda Rai

ItaliaOggi, pagina 8, di Gennaro Da Varzi.

Sono diversi i segnali che indicano come la vicenda del rinnovo degli amministratori della Rai si stia complicando ulteriormente. Il cosiddetto metodo Draghi sembra non dare i risultati sperati e più passano i giorni più risulta difficile trovare un accordo che accontenti tutti. Il primo segnale raccolto è quello di un ulteriore lungo rinvio della data di convocazione dell’assemblea della società. Così la riunione inizialmente prevista per il 14 giugno è stata convocata per il 30 giugno (ultima data utile da statuto) in prima convocazione e il 12 luglio in seconda convocazione. Quindi il governo, diversamente da quanto precedente annunciato, decide di prendersi un altro mese abbondante per cercare di dipanare la matassa. Il secondo indizio è collegato al risveglio dei 5 Stelle e all’ingresso nella trattativa del partito di Conte, che dopo la sentenza che certifica la condanna di Casaleggio e rilancia il suo ruolo di nuova guida del partito, fa sapere che il Movimento è ancora il primo gruppo parlamentare e ha diritto a fare una proposta. Così irrompe sulla scena l’idea di eleggere Milena Gabanelli come nuova presidente della Rai.

La proposta non è assolutamente campata in aria, potrebbe fare breccia a sinistra e sicuramente riapre i termini dell’accordo per cui fino a oggi stavano lavorando i vari partiti e gli uomini di Draghi (in particolare Garofoli). Ed è proprio questo il punto, la proposta di Conte fa saltare lo schema-Draghi, che prevedeva ai partiti i 4 consiglieri, al governo la nomina dei manager. La proposta Gabanelli avanzata da quello che è ancora il primo partito in parlamento ha un doppio significato: obbliga il centrodestra a formulare una propria proposta e mette l’intero centrosinistra di fronte a un’idea nuova di Rai. Infatti, se i vari pezzi del centrodestra non riescono a trovare una proposta unitaria, visti i precedenti legati al Copasir e alla scelta dei sindaci ancora in alto mare, si presenterebbe diviso e finirebbe con il subire l’iniziativa di Conte. Ma il secondo significato rimanda, come dicevamo, ai contenuti più rilevanti del servizio pubblico. La Gabanelli non rappresenta un’idea neutrale di Tv pubblica e soprattutto rappresenta qualcosa di molto più autonomo e diverso da quella che piace alla politica. Si sussurra nelle stanze del potere che «il presidente della Rai non conta molto» ma tutti sanno che è una sciocchezza. Soprattutto se «quel» presidente sa perfettamente cosa fare e conosce molto bene i suoi interlocutori interni. La Gabanelli è uscita pochi anni fa dall’azienda senza fare polemiche, ma dopo che la sua proposta di riorganizzazione del sito web della Rai non è stata neanche discussa dai vertici.
(Continua su ItaliaOggi)

 

(Nella foto Milena Gabanelli)