Pubblicato il 08/06/2021, 14:33 | Scritto da La Redazione
Argomenti: , , , ,

Ti piace il calcio in Tv? Ecco tutti conti che devi fare

Ti piace il calcio in Tv? Ecco tutti conti che devi fare
La nostra rassegna stampa, con gli estratti degli articoli più interessanti: Dazn 29,99 euro al mese (ora in promozione a 19,99), per tutta la Serie A; Sky Calcio 16 euro al mese per tre match di A e tutta la Serie B; Now (tutto il calcio e lo sport di Sky) a 29,99 al mese (ora in promozione a 14,99); Mediaset Infinity 7,99 euro al mese per 104 partite di Champions; Amazon Prime Video 3,99 euro al mese o 36 euro all'anno per 16 partite di Champions del mercoledì in esclusiva e la finale di Supercoppa.

Serie A, lo spezzatino piace ai club

ItaliaOggi, pagina 16, di Claudio Plazzotta.

Lo spezzatino piace ai club di Serie A. Ma sulla decisione si rivoterà settimana prossima, poiché le società vogliono «ottenere una maggior valorizzazione della spalmatura»: in sostanza, proveranno a monetizzare il favore che stanno facendo a Dazn. Peraltro proprio ieri, in un primo momento, l’assemblea di Lega Serie A, con 13 voti a favore su 19 (contrari solo Genoa, Sampdoria, Roma, Bologna, Sassuolo e Spezia), aveva approvato la formula dello spezzatino, salvo poi fare marcia indietro e revocare tutto. Si va comunque verso una stagione 2021-2022 in cui ci saranno quattro incontri al sabato alle ore 14,30, 16,30, 18,30 e 20,45; cinque match alla domenica, con sfide alle 12,30, 14,30, 16,30, 18,30 e 20,45; e infine il posticipo del lunedì alle 20,45.

Il grande spezzatino, come detto, darà sicuramente una mano a Dazn, che da quest’anno, per 840 milioni di euro all’anno, trasmetterà in streaming tutte e dieci le partite di Serie A (sette in esclusiva, tre in coesclusiva con Sky), e che in questo modo non avrà mai più di un incontro alla volta da distribuire, evitando quindi di imbottigliare la rete web con un eccesso di traffico dati e di connessioni contemporanee. Inoltre, potrà contare su un palinsesto fitto che terrà sempre acceso il canale per dieci ore al giorno tra il sabato e la domenica. A questo punto manca ancora l’assegnazione dei diritti della Coppa Italia di calcio 2021-2024, torneo finora trasmesso in chiaro dalla Rai, ma sul quale punterà forte Sky, favorita rispetto agli altri broadcaster. Il bando, approvato ieri, punta a raccogliere almeno 42 milioni di euro l’anno contro i 35,5 milioni a stagione del precedente triennio. Al netto di sconti, promozioni, e quant’altro, allora, si possono riassumere i costi che i tifosi di calcio dovranno sobbarcarsi quest’anno per accedere alle varie competizioni.
(Continua su ItaliaOggi)