Pubblicato il 23/03/2021, 17:03 | Scritto da La Redazione
Argomenti: , , , ,

Nel caos Tv della Serie A piomba anche Vodafone

Nel caos Tv della Serie A piomba anche Vodafone
La nostra rassegna stampa, con gli estratti degli articoli più interessanti: la possibile scelta di Dazn-Tim sta facendo drizzare le antenne soprattutto nel mondo delle Tlc. A quanto risulta al “Sole 24 Ore” una sorta di richiesta preventiva di chiarimenti sarebbe stata inviata all'Antitrust da Vodafone.

Conto alla rovescia fra Dazn-Tim e Sky

Il Sole 24 Ore, pagina 23, di Andrea Biondi.

Da una parte la scadenza del 29 marzo, termine di validità delle offerte di Dazn (in partnership con Tim) e Sky, che si avvicina: dall’altra le divisioni fra i club. Il conto alla rovescia però spaventa: un nuovo bando potrebbe non portare alle offerte di adesso. È in questa cornice che oggi i presidenti dei club si ritroveranno in videoconferenza per votare (per la settima volta) se affidare i diritti del prossimo triennio a Dazn-Tim (840 milioni a stagione per 7 gare in esclusiva a settimana e 3 da condividere con Sky che a quel punto verserebbe 70 milioni) o Sky (750 milioni, ma con in più una settantina di milioni per il canale della Lega oggetto in quest’ultimo caso di un caustico botta e risposta fra la media company e la Confindustria del pallone, in particolare con l’ad Luigi De Siervo, nel fine settimana).

Quel che al momento appare da mettere in conto è una coda legale fra i contendenti, qualsiasi sia l’assegnazione. La possibile scelta di Dazn-Tim sta però facendo drizzare le antenne soprattutto nel mondo delle Tlc. A quanto risulta al Sole 24 Ore una sorta di richiesta preventiva di chiarimenti sarebbe ad esempio stata inviata all’Antitrust da Vodafone. Altra cosa da dare per assodata è che in assenza di assegnazione il presidente della Lega Serie A, Paolo Dal Pino, lascerà aperta l’assemblea, per poter arrivare a un risultato in ogni momento utile.

Le fazioni

A favore di Dazn-Tim c’è un blocco di u società tra cui le big Inter, Juve, Napoli, Milan e Lazio. In serata ieri si vociferava anche di un avvicinamento di Torino e Bologna. Servono 14 voti per chiudere. E chissà che verso una decisione più rapida non spinga anche la situazione dei diritti Tv internazionali.