Pubblicato il 05/02/2021, 11:32 | Scritto da La Redazione
Argomenti: , ,

È rissa tra i club sui diritti Tv della Serie A

È rissa tra i club sui diritti Tv della Serie A
La nostra rassegna stampa, con gli estratti degli articoli più interessanti: l'assemblea di Lega ieri ha prodotto un altro rinvio, un'ulteriore fumata grigia che mette una seria ipoteca sull'operazione fondi voluta dal presidente Paolo Dal Pino. I fondi Cvc, Advent e Fsi, dopo quanto successo ieri, tranne che lo strappo venga ricucito, a quanto risulta a “Il Sole 24 Ore” riterrebbero la trattativa ormai chiusa.

Serie A, fumata grigia sui diritti Tv: i fondi pronti al passo indietro

Il Sole 24 Ore, pagina 18, di Andrea Biondi e Carlo Festa.

L’accordo sulla media company tra i club della Serie A e i private equity è ormai a forte rischio. L’assemblea di Lega ieri ha prodotto un altro rinvio: un’ulteriore fumata grigia che mette una seria ipoteca sull’operazione fondi voluta dal presidente Paolo Dal Pino. I fondi Cvc, Advent e Fsi, dopo quanto successo ieri, tranne che lo strappo venga ricucito, a quanto risulta al Sole 24 Ore riterrebbero la trattativa ormai chiusa. «Sconfitta o frenata? Proprio per niente. Ma le cose vanno fatte per bene» ha commentato Dal Pino. «Le decisioni – ha aggiunto – vanno prese senza forzare, si devono seguire tempi e modalità corrette».

A pesare, però, sono state le divisioni ancora evidenti all’interno dei club della Serie A. Si sapeva già della posizione contraria del presidente della Lazio Claudio Lotito, ma alla lista degli scontenti si sono aggiunti nelle ultime settimane anche il Napoli di Aurelio De Laurentiis, il Verona di Maurizio Setti e l’Atalanta di Luca Percassi. La platea degli indecisi sarebbe cresciuta: Juventus e Inter si sarebbero sfilate e il numero dei voti potenzialmente contrari è aumentato. In un’assemblea infuocata si sarebbe quindi deciso di prendersi un po’ di tempo in più per cercare di non far fallire tutto anzitempo.

I ritocchi dei fondi

Riflettori ora sull’assemblea già fissata per l’11 febbraio. Resta da capire se ci sarà un’altra opportunità: i private equity si erano dati come scadenza l’assemblea di ieri e per convincere gli indecisi avrebbero fatto arrivare una nuova proposta migliorativa (oltre ai 23 miglioramenti già presentati in questi mesi). Sul fronte economico, all’atto del closing, a quanto Il Sole 24 Ore ha potuto verificare, il versamento sarebbe di 300 milioni sugli 1,7 miliardi per entrare al 10% nella media company con pagamento di altri 350 milioni annui da giugno 2021 a giugno 2023 e 117 milioni annui fra 2024 e 2026.

Ieri in assemblea sembrano però aver prevalso i dubbi. I presidenti contrari hanno evidenziato condizioni troppo favorevoli ai fondi: oltre 1,1 miliardi in 8 anni con l’aggiunta di una commissione da performance da 150 milioni. Senza dimenticare che Cvc, Advent e Fsi otterrebbero al momento della loro uscita (lock-up fino a giugno 2026) una cifra superiore agli 1,7 miliardi pagati. Fra gli aspetti poco digeriti ci sono anche la governance che alcuni presidenti ritengono sproporzionata a favori dei fondi, la clausola SuperLega, la gestione dei diritti d’archivio.