Pubblicato il 22/01/2021, 15:03 | Scritto da La Redazione

TV, allarme rosso: ha perso il primato nella pubblicità

TV, allarme rosso: ha perso il primato nella pubblicità
La nostra rassegna stampa, con gli estratti degli articoli più interessanti: manca ancora il dato di dicembre, ma in undici mesi su dodici del 2020 il web ha raggiunto i 2,89 miliardi di euro, mentre la televisione si è fermata a 2,88 miliardi. Dieci milioni in meno. Una svolta storica

Sorpasso storico nella pubblicità: la raccolta web batte la televisione

Il Sole 24 Ore, pagina 12, di Andrea Biondi.

Un sorpasso per dieci milioni di euro. Il 2020 si avvia a essere l’anno di uno storico passaggio nel mondo della pubblicità. Perla prima volta la raccolta sul web dovrebbe scalzare dal gradino più alto del podio la Tv, da sempre regina del mercato. C’è in fondo tutto il segno del cambiamento dei tempi nei dati di fonte Nielsen che Il Sole 24 Ore ha potuto visionare ed elaborare. Va detto che già a fine luglio Agcom aveva descritto questo stesso scenario, retrodatando il momento addirittura al 2019. In questo caso, a dare all’online la patente di mercato leader nella pubblicità, ma nel 2020, non nel 2019 – sono però i numeri di Nielsen, da sempre condivisi come “currency” del mercato, cioè la base sulla quale sono poi tarate le dinamiche di domanda e offerta.

C’è comunque un altro aspetto da considerare: i dati di Facebook, Google, Amazon, Twitter sono solo stimati da Nielsen, non essendo dichiarati a monte. Ma il peso crescente del web negli investimenti pubblicitari non è assolutamente in dubbio. In definitiva, i dati raccontano di raccolta online che nei primi undici mesi dell’anno (ultimo dato disponibile) raggiunge i 2,89 miliardi di euro, mentre la Tv nello stesso periodo si ferma a 2,88 miliardi. Dieci milioni in meno. Eccolo il gap fra i due mezzi nel periodo gennaio-novembre, con Internet evidentemente trainato dai grandi colossi: Google-Youtube; Facebook-Instagram e, in ascesa secondo gli operatori del mercato, anche Amazon. La differenza è minima.

Così nel 2019

A restituire però, nitida, l’immagine del momento di passaggio che il mercato sta vivendo, interviene il confronto con l’anno precedente. Nel 2019 il digital (comprensivo dei colossi del web) aveva chiuso l’anno a quota 3,3 miliardi di euro a fronte di 3,6 miliardi perla Tv (300 milioni in più). Negli 11 mesi del 2020, quindi, sui 6,9 miliardi totali di raccolta (comprensiva anche di Ott), il 42% appannaggio del web, il 41% della Tv, l’8% della carta stampata e 4% della radio.

Nel 2019 la Tv era al 41% degli 8,8 miliardi di raccolta complessiva; il digital allargato a Google e Facebook al 38%; la carta stampata al 10%; la radio al 5 per cento. Quanto ai trend, a gennaio-novembre al -11,6% della Tv fa fronte il -3,5% del digital. E tutto questo in un quadro in cui, guardando ai numeri fra perimetro “storico” studiato da Nielsen e quello con le stime di Google, Facebook, Amazon, a questi ultimi viene attribuita una raccolta di 2,5 miliardi.