Pubblicato il 14/01/2021, 11:32 | Scritto da La Redazione

Aldo Grasso spara contro Conte, Casalino, De Filippi, Costanzo, Franceschini e Red Ronnie

Aldo Grasso spara contro Conte, Casalino, De Filippi, Costanzo, Franceschini e Red Ronnie
La nostra rassegna stampa, con gli estratti degli articoli più interessanti: nella rubrica quotidiana sul “Corriere della sera”, il critico televisivo ne ha proprio per tutti.

Troppo spazio alla concorrenza, le anomalie del servizio pubblico

Corriere della sera, pagina 47, di Aldo Grasso.

Ci sono cose che proprio non capisco. Colpa mia. Non capisco perché le immagini del presidente Giuseppe Conte che provengono da Palazzo Chigi non sono girate dal Servizio pubblico, ma da una struttura alle dipendenze di Rocco Casalino. Quando Silvio Berlusconi mandava ai Tg le cassette registrate dei suoi interventi, tutti abbiamo gridato allo scandalo. Adesso è normale? È giusto che un premier usi il Covid-19 come scusa per una simile forma di controllo? La Rai giustifica questa anomalia sostenendo di voler evitare che operatori dell’azienda possano «infettarsi» nelle stanze di Palazzo Chigi.

Non capisco perché la Rai dia così tanto spazio alla concorrenza, nella fattispecie a Maria De Filippi. Inviti al Festival di Sanremo, inviti in trasmissioni, inviti di lunga durata da Fabio Fazio. È normale? Maurizio Costanzo e Maria De Filippi godono di così tanti privilegi da poter praticare il crossover a loro piacimento? O vedremo presto Fazio ospite di Amici? O vedremo presto Maria De Filippi produrre per la Rai e condurre per Mediaset?

Anche contro Dario Franceschini

Non capisco perché il ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini abbia voluto creare a piattaforma streaming, lTsArt, «per valorizzare nel mondo l’offerta culturale italiana e in particolare gli spettacoli dal vivo». L’idea è stata subito battezzata, con sprezzo del ridicolo, la «Netflix della cultura» o la «Netflix di Stato». Al di là di ogni discorso sugli investimenti (soldi del Recovery fund, della Cassa Depositi Prestiti o del Fondo unico dello spettacolo?), il ministro non ha fatto altro che svilire il già precario ruolo del Servizio pubblico. Non bastano Rai5 o Rai Storia? Salvo Nastasi pensaci tu.

Non capisco perché la docu-serie SanPa, di cui tutti abbiamo scritto bene, abbia voluto infierire su Vincenzo Muccioli affidando la difesa del Fondatore e dei suoi metodi di recupero al «soldato di San Patrignano» Red Ronnie. Una vera perfidia.

 

(Nella foto Giuseppe Conte)