Pubblicato il 25/08/2020, 14:02 | Scritto da La Redazione
Argomenti: ,

Diritti tv: slitta il termine delle offerte per la Serie A

Diritti tv: slitta il termine delle offerte per la Serie A
La nostra rassegna stampa, con gli estratti degli articoli più interessanti: il termine doveva essere oggi, ma è posticipato tutto a venerdì 28 per permettere ai club di orientarsi meglio nella scelta.

Calcio, slitta il termine sulle offerte per i diritti tv

Il Sole 24 Ore, pagina 13, di Andrea Biondi e Carlo Festa.

Qualche giorno in più. È previsto per venerdì 28, e non più per oggi, l’arrivo sul tavolo dell’advisor della Lega Serie A, la banca d’affari Lazard, delle offerte vincolanti dei fondi di investimento per una minoranza (attorno al 10-15%) della media company, dove sono pronti a confluire i diritti tv del massimo campionato italiano. Deadline spostata in avanti, dunque, come più in avanti – a 9 settembre e non più al 2 – si andrà per l’assemblea di Lega in cui i club saranno chiamati a decidere sul da farsi.

Più giorni, quindi, anche per permettere ai club di farsi al meglio un’idea, attraverso incontri mirati coni proponenti. Per quanto riguarda l’appuntamento fissato per il 28 agosto, è attesa in particolare l’offerta del consorzio, formatosi la scorsa settimana (come anticipato dal Sole 24 Ore del 22 agosto), composto dai private equity Cvc, Advent e Fsi. A questo punto la cordata ha le chance maggiori di successo rispetto all’altro operatore in gara, cioè Bain Capital. Potrebbe infatti catalizzare i favori dei 20 club della Serie A, in vista dell’assemblea del 9 settembre che dovrà decidere il miglior strumento di valorizzazione dei diritti tv. Cvc, Advent e Fsi valorizzerebbero secondo indiscrezioni l’intera media company della Lega circa 15 miliardi. Una minoranza del 10% potrebbe essere valutata quindi circa 1,5 miliardi.

Le quote del consorzio

Nel consorzio il peso dei tre operatori sarebbe già stato definito: Cvc avrebbe un 50% e Advent-Fsi, già alleati in precedenza, l’altro 50%. I tre fondi puntano sul mix di esperienze e track record per far breccia tra presidenti della Serie A, anche alla luce della valutazione favorevole del presidente Paolo Dal Pino. Cvc ha un track record di investimenti internazionali nel settore dello sport: ha investito sul 6 Nazioni di rugby, sul MotoGp e sulla Formula1.

Advent può, dal canto suo, contare su specifiche competenze di investimenti effettuati nel settore della tecnologia e dei media (con oltre 75 investimenti in 24 Paesi del mondo), aree sempre più correlate all’intrattenimento grazie alla rivoluzione digitale: in Italia è tra soci di Nexi, gruppo leader nel settore dei sistemi di pagamento.