Pubblicato il 28/07/2020, 11:33 | Scritto da La Redazione

Diritti tv calcio: ecco tutte le proposte

Diritti tv calcio: ecco tutte le proposte
La nostra rassegna stampa, con gli estratti degli articoli più interessanti: giovedì l’assemblea della Lega Calcio prenderà la decisione. Depositate tutte le offerte, anche se De Laurentiis spinge per una Media Company di proprietà delle squadre.

Calcio e diritti tv, sfida aperta per il futuro della Serie A

Il Sole 24 Ore, pagina 18, di Andrea Biondi e Carlo Festa

Sul tavolo della Lega Serie A arrivano le offerte dei private equity per i diritti tv, che verranno presentate giovedì alla prossima assemblea dei club della Serie A. Le proposte sono arrivate all’advisor Lazard ieri e sarebbero suddivise trao fferte di partnership azionaria da una parte e, dall’altra, di finanziamento. In lizza per una minoranza della media company che commercializzerà i diritti tv, sarebbero Bain Capital (affiancato da Nomura e Mediobanca), Cvc (assieme agli advisor Rothschild e Gattai) e Advent affiancato in alleanza dal gruppo finanziario italiano Fsi.

Questi ultimi avrebbero presentato a Lazard un piano di ingresso azionario nella media company della SerieA, progetto affiancato da una serie di valutazioni sul valore della quota di minoranza (per una valutazione totale che si aggira attorno ai 10 miliardi), sulla governance tra i socie sul minimo garantito per i club. C’è tuttavia da dire che sulla partnership azionaria non d sarebbe piena condivisione tra i presidenti Fra i più scettici ci sarebbero il presidente del Napoli Aurelio De Laurendis e quello della Lazio Claudio Lotito, e su questa linea si sarebbero posti anche il Verona e la Fiorentina. C’è da dire che, oltre alle proposte di Cvc, Advent-Fsi e Bain, sarebbe attesa anche una quarta offerta, forse dal fondo General Atlantic.

Sul tavolo ci sarebbero anche offerte di solo finanziamento, senza quindi una partecipazione all’equity: quelle di Tpg, Apollo, Fortress e Blackstone, tramite il suo braccio di investimento Gso. Diversamente da quanto richiesto dalla Lega e formalizzato nei requirements da Lazard, si sono invece rivolti direttamente a Lega e ai club, proponendo una partnership industriale nella realizzazione del canale della Lega, i gruppi Wanda (con un minimo garantito di 1,5 miliardi di euro a stagione) e Mediapro (anche questa con minimo garantito) per un progetto di canale (entrambe) o per fare da advisor (Wanda).

 

 

(Nella foto una partita di Serie A)