Pubblicato il 10/07/2020, 11:35 | Scritto da La Redazione

Monica Maggioni torna in trincea

Monica Maggioni torna in trincea
La nostra rassegna stampa, con gli estratti degli articoli più interessanti: l’ex presidente Rai è su Rai1 con il programma d’inchieste “Sette Storie”. Tutti i lunedì i n seconda serata.

Il ritorno della Maggioni «Non c’è solo il Covid Ecco le mie Sette storie»

Il Giornale, pagina 26, di Paolo Scotti.

Il ritorno al giornalismo di Monica Maggioni? Non una retrocessione, per l’ex presidente della Rai. Ma, semmai, «una scelta di vita». E neppure un progettino imbastito alla bell’e meglio, svicolando come si poteva fra le limitazioni dell’emergenza Covid. Ma l’ambizioso progetto di uno «svecchiamento del linguaggio giornalistico televisivo». Dopo meno di un anno passato al più alto dei piani alti di viale Mazzini, avrà forse tirato un sospiro di sollievo, la giornalista che con Sette Storie (ogni lunedì in seconda serata su Rai1) è ridiscesa al primo, intramontabile amore.

«Mentre mai nella mia vita avrei pensato di fare il presidente della Rai – commenta lei – fin da bambina ho sognato di diventare giornalista. Questo rientro è dunque per me un ritorno alla natura di quel che ho sempre desiderato essere». Con una formula (apparentemente) semplice: «Trattare quei temi che l’emergenza Coronavirus aveva spinto nell’angolo, e ci aveva impedito di approfondire come invece meritano».

Il cambiamento climatico

Così dopo la puntata d’esordio dedicata al suprematismo americano, lunedì prossimo si tratterà di cambiamento climatico come di «una pandemia slow-motion», per fare il punto «su ciò che si sta facendo, su ciò che ognuno di noi può fare, assieme a protagonisti capaci di offrire del problema una visione non scontata».

Gli argomenti successivi, promette la giornalista, saranno sempre molto diversi fra loro ma tutti indagati attraverso lo stesso linguaggio: «nei loro aspetti più inediti e più controversi, con una qualità dell’immagine che restituisca la realtà ed una cura estetica che tenda al contemporaneo, evitando, per quanto possibile, il già visto o già sentito». Non la spaventano gli impedimenti che l’emergenza sanitaria fatalmente impone: «Certo, le inchieste on the road attualmente sono limitate. Per la puntata americana non ho potuto neppure recarmi in loco: avrei rischiato di rimanerci sei mesi. Ma tutto questo stimola fantasia, creatività, impegno».

Qualità di cui, secondo il direttore di rete, la Maggioni può ampiamente vantarsi: «giornalista vera» la definisce Stefano Coletta. Il quale punta diritto a precise ambizioni: «Con una come la Maggioni avremmo potuto fare un qualsiasi talk sul Covid. Ma Rai1 merita altro, che un ulteriore abusato dibattito, che si aggiunga a quelli che già imperversano su tutte le reti generaliste».

 

(Nella foto Monica Maggioni)