Pubblicato il 14/04/2020, 19:02 | Scritto da La Redazione

La TV ha due nuove superstar: il Papa e Conte

La TV ha due nuove superstar: il Papa e Conte
La nostra rassegna stampa, con gli estratti degli articoli più interessanti: per il premier numeri da Nazionale di calcio. Per il Papa si sintonizza un italiano su tre. Ecco come è andato il derby televisivo di Pasqua e Pasquetta.

Il Papa e Conte star in tv Ascolti a livelli record

Quotidiano Nazionale, pagina 14, di Piero Degli Antoni.

Le star del Coronavideo sono indubbiamente loro: il Papa e Giuseppe Conte. In base ad alcune elaborazioni che abbiamo condotto sui dati Auditel, è indubbio che la platea tv ha premiato la strana coppia. Cominciamo dal Papa. La Via Crucis (della durata di due ore) è stata un avvenimento paragonabile a una partita di calcio della Nazionale . La media degli spettatori è stata di quasi 8 milioni su Raiuno e di quasi un milione su Tv2000, per un totale di 9 milioni (share 26% e 3%, significa che uno spettatore su tre ha seguito il Papa). La prevalenza degli spettatori sono state donne, del Sud-Isole, con un’età media di 61 anni. Una curiosità interessante: la Via Crucis dell’anno scorso non solo era stata seguita da meno della metà degli spettatori (3,7 milioni per il 17%) ma l’età media era stata molto più alta, 68 anni. Pare di poter concludere che quest’anno l’anelito di spiritualità abbia toccato anche i più giovani. Infine che la presenza del Papa ha portato davanti alle tv più spettatori rispetto alla media dell’ultimo mese.

E veniamo al premier Conte. La conferenza stampa del presidente del Consiglio del 10 aprile è andata in onda dalle 19,36 alle 19,56 ed è stata seguita da 7,6 milioni su Raiuno a cui devono aggiungersi quelli degli altri canali (Rete4, La7, RaiNews, i due Sky Tg24, TgCom) per un totale di 11,6 milioni di spettatori pari al 44% del pubblico complessivo. Quasi un italiano su due l’ha seguita. Pur trattandosi di una trasmissione di una sola mezz’ora, e nella fascia di maggior ascolto, si tratta comunque di un risultato eccezionale. La scelta di Canale 5 di non trasmettere la conferenza stampa del premier ha penalizzato la rete, il cui Tg ha fatto registrare il peggior risultato dall’inizio della quarantena, mentre il Tg1 subito dopo l’intervento di Conte ha fatto registrare un autentico record: 8,3 milioni di spettatori contro i 5,8 del diretto concorrente (età media 59 anni per Raiuno, 52 per Canale 5).

 

(Nella foto Papa Francesco)