Pubblicato il 01/12/2019, 19:00 | Scritto da La Redazione

Domani su Raitre Domenico Iannacone racconta le periferie di Napoli e Roma in Che ci faccio qui

Domani su Raitre Domenico Iannacone racconta le periferie di Napoli e Roma in Che ci faccio qui
Il giornalista porta lo spettatore nel cuore di due periferie-simbolo del nostro Paese: Scampia a Napoli e San Basilio a Roma.

Da domani Domenico Iannacone torna su Rai3 alle ore 23.10 con Che ci faccio qui, un viaggio in luoghi in cui il male e il bene si scambiano di posto.

Da lunedì  Domenico Iannacone torna su Rai3 alle ore 23.10 con quattro puntate speciali di Che ci faccio qui, per portare lo spettatore nel cuore di due periferie-simbolo del nostro Paese: Scampia a Napoli e San Basilio a Roma. Con il suo sguardo senza pregiudizi, Domenico Iannacone entra in luoghi in cui il male e il bene si scambiano di posto, continuamente.

La prima puntata: La famiglia

A volte basta nascere in una famiglia perché la propria vita sia già segnata, infilata in un binario che sembra non concedere scampo. Mancanza di un tetto, miseria, violenza, prigione, morte, fanno spesso da sfondo all’esistenza di tante persone. Ma può succedere di rinascere una seconda volta, anche a Scampia: come è avvenuto a Davide Cerullo, ex camorrista, oggi scrittore – tradotto anche all’estero – fotografo e animatore dei bambini che vivono all’interno delle Vele.

«Non sapevo cosa fosse il valore della vita – dice Davide – Quello che valeva per me in quella vitaccia era cosa pensava il boss di me:  se io per lui valevo, se io per lui contavo, se io per lui ero utile, se lui di me si fidava. Se io gli davo fiducia».

Un racconto crudo e senza sconti, che attraversa la vicenda tragica di una vita e di un’intera famiglia.

La Redazione

(nella foto Domenico Iannacone)