Pubblicato il 06/11/2019, 17:04 | Scritto da Tiziana Leone

Daniele Piervincenzi: Indago il mondo degli adolescenti, perché da padre vorrei cercare di decifrare i loro pensieri

Daniele Piervincenzi: Indago il mondo degli adolescenti, perché da padre vorrei cercare di decifrare i loro pensieri
Il giornalista torna oggi in seconda serata su Rai2 con #ragazzicontro, un viaggio immersivo in sei puntate in altrettante scuole italiane.

Il programma utilizza una modalità inedita di racconto, a metà strada tra il docureality e il talk che coinvolge gli studenti di sei scuole italiane.

Su Rai2 ci sono i ragazzi sfaticati e insofferenti del Collegio, quelli complessi della serie Volevo fare la rockstar e da oggi anche i #ragazzicontro di Daniele Piervincenzi: tre modi di raccontare la generazione di adolescenti, che vivono sui social, ma che la tv indaga a fondo, in ogni possibile sfaccettatura. Carlo Freccero, direttore di Rai2 non ha dubbi: «#ragazzicontro è un docu-reality, un’inchiesta immersiva, una specie di psicanalisi con cui si affrontano i problemi dell’adolescenza. Fa triangolazione con gli altri due programmi come Il Collegio e Volevo essere una rockstar, come se fosse un unico programma, ma con tre diverse declinazioni». E la declinazione che Daniele Piervincenzi ha voluto dare al suo #ragazzicontro, al via oggi in seconda serata su Rai2, è quella di un racconto, senza filtri, in cui a parlare sono i ragazzi, più che gli adulti. Ma non è stato facile conquistare la loro fiducia. «I ragazzi pretendevano un confronto – spiega il giornalista – Quindi abbiamo dovuto fare un vero e proprio incontro alla pari per costruire un rapporto di fiducia. All’inizio non si fidavano, ma poi hanno capito che ero lì per esplorare la loro verità e non per giudicare».

Il programma

Ogni puntata si svolge su un doppio binario: con un confronto in classe in cui  il giornalista affronta alcuni temi chiave come l’esclusione, la diversità, la disabilità, la sessualità, il bullismo, il cyberbullismo e la violenza del branco e con un confessionale autoprodotto dai ragazzi, al di fuori delle mura scolastiche, dove sono liberi di esprimersi, svelare e affrontare le loro paure.

Sei le scuole coinvolte: Istituto Gassman di Roma (prima puntata),Istituto Superiore Curie di Milano, Scuola Media Leonardo Da Vinci di Torino, Istituto Alberghiero S.Paolo di Bari, Istituto Almanza di Pantelleria, Istituto Professionale Ipsia Giorgi-Fermi di Treviso.

Dal Nord al Sud Italia, Piervincenzi ha raccolto racconti di vita molto diversi, anche se poi i ragazzi sono tutti uguali, come racconta lui stesso in questa intervista a TvZoom.

GUARDA LA VIDEO INTERVISTA

 

Tiziana Leone

 

(Nella foto Daniele Piervincenzi)