Pubblicato il 19/06/2019, 19:03 | Scritto da Gabriele Gambini

Guido Meda: Sarebbe interessante commentare Valentino Rossi contro Luca Marini

Guido Meda: Sarebbe interessante commentare Valentino Rossi contro Luca Marini
A tu per tu con il più popolare cronista del Motomondiale di casa Sky. Durante la presentazione della stagione estiva di Sky Sport, Guido Meda si è sbilanciato con qualche pronostico.

Guido Meda: “I piloti non devono pensare che Marquez sia imbattibile”

 

Guido Meda sta al motociclismo il capitano Achab a Moby Dick. Nel senso che c’è un legame fisico, passionale, inevitabile tra la voce Sky del MotoMondiale, vicedirettore di Sky Sport, e il mondo delle due ruote. Quella cosa che tiene desto lo spettatore distratto dalla tentazione automatica dell’abbiocco post-prandiale durante una corsa vista in tv. Durante la presentazione della stagione estiva a tutto sport di Sky, Meda si è sbilanciato in qualche commento.

In una nostra recente intervista avevi dichiarato che l’emozione più struggente è stata raccontare in diretta la tragedia di Simoncelli. Oggi ti chiedo: un sogno da cronista?

Dal punto di vista narrativo, l’idea di commentare Valentino Rossi contro Luca Marini sarebbe molto stuzzicante.

Valentino e Yamaha devono uscire da una situazione non esaltante.

Possono venirne fuori se Yamaha farà un passo avanti nel verso della novità. Come hanno fatto Honda e Ducati, dei cui progressi abbiamo sempre molto raccontato. Sulla Yamaha da tempo stiamo invece ripetendo gli stessi concetti. Come se, sotto quel vestito lì, una vera-grande evoluzione non ci fosse stata. Partiamo da un presupposto: la Yamaha non è una brutta moto. Si guida facile, come hanno dimostrato Quartararo o Vinales, che in qualifica sono più bravi di Rossi. Il problema è che a un certo punto con le gomme non ce la fa più. E gli altri sì. Quindi Valentino ce la può fare, come ha dimostrato con i due podi fino a qui, nella misura in cui ce la può fare la Yamaha.

Marquez sembra imbattibile. L’episodio della vittoria di Petrucci al Mugello sembra destinato a rimanere tale.

Però intanto lo ha battuto. Sappiamo perlomeno che impossibile non è. E qualche altra pista dove la Ducati può andar bene, dove magari Rins può andar bene, dove magari la Yamaha con Vinales-Rossi può andar bene c’è. Io non darei per scontata l’imbattibilità di Marquez. Darei per scontato che è un fuoriclasse che sta incidendo pesantemente un’era e facilmente porterà a casa ancora molti Mondiali. Però se parto pensando che le vince tutte parto male. E partirebbero male i suoi avversari.

Gabriele Gambini

(nella foto Guido Meda)