Pubblicato il 10/06/2019, 13:16 | Scritto da Emanuele Bruno

Ascolti tv analisi 9 giugno: Barbara Bonansea e le Azzurre battono Ronaldo e Vettel

Ascolti tv analisi 9 giugno: Barbara Bonansea e le Azzurre battono Ronaldo e Vettel
Il calcio femminile – free + pay – fa più ascolti delle altre principali opzioni di sport in giornata. Un bilancio notevole, del 23%, che del resto fa il paio con quello altrettanto importante, conquistato dal Gp del Canada, che però è stato trasmesso live da Sky (8,1%) e in lieve differita e parziale contrapposizione da Tv8 (10,12%).

Dinamiche: in access vince Paperissima, in prima serata parte in vantaggio Lontano da te, poi superata dal secondo tempo della finale di Nations League, Portogallo-Olanda

La promozione ha funzionato

Un risultato realmente impensabile quello ottenuto dalla Nazionale di calcio femminile nella massima competizione globale. Inimmaginabile, dopo un brutto primo tempo, la rimonta e la vittoria sull’Australia, sesta nel ranking Fifa, enormemente più quotata delle Azzurre, qualificatesi per i Mondiali dopo 20 anni di assenza. Non preventivabile – nonostante la sovrabbondante promozione di Rai e Sky – anche il bilancio molto positivo dei meter: 2,825 milioni di spettatori lordi ed il 18,5%di share su Rai2 e circa 700 mila spettatori ed il 4,5% di share su Sky. In pratica quasi 3,5 milioni di spettatori ed il 23% di share, un seguito molto maggiore di quello ottenuto alla sera dalla finale di Nations League.

I conti del calcio

Portogallo-Olanda su Rai1 ha vinto la serata con ‘soli’ 2,959 milioni di spettatori ed il 14,2% di share. Il calcio femminile ha pure radunato una platea maggiore di quella che ha seguito la Formula 1, che live su Sky dalle 20.10 ha avuto con il Gp del Canada ‘rapinato’ da Lewis Hamilton a Sebastian Vettel (retrocesso dalla giuria al secondo posto) 1,6 milioni e l’8,1% di share; la gara in chiaro – stavolta partita in differita su Tv8 prima delle fine del live pay, alle 21.30 – ha complessivamente ottenuto ben 2,1 milioni di spettatori ed il 10,12%. E anche sommando impropriamente il pubblico pay e live della Formula 1 il bilancio complessivo rimane all’altezza di quello che il calcio femminile ha conquistato nel day time, tra le 13.00 e le 15.00 circa.

Benino la Nations League, ma anche Lontano da te e l’ultima di Non è l’Arena

Tutto sommato memo interessanti gli esiti delle altre sfide televisive. La partita di Nations League su Rai1 ha solo virtualmente perso quella con la Formula 1 su Sky e Tv8, ma ha battuto la serie in prima tv su Canale 5 (Lontano da te 2,496 milioni e 11,2%) e tutte le altre proposte generaliste: su Rai2 Ncis ha ottenuto 1,376 milioni e il 6,6% correndo più forte di Non è L’Arena su La7 (1,081 milioni e 6,6%), ma poi Elementary ha perso il confronto con Massimo Giletti. Su Italia1 La Furia dei Titani a 1,070 milioni e il 5,1% ha corso in avvio dietro il sofisticato progetto su Rai3, Che storia è la musica, a 1,010 milioni e 5,3%, ma poi già intorno alle 22.00 l’ha superato. E’ stato invece un inevitabile flop il the best of di Piero Chiambretti su Rete4 (il remix di Cr4-La repubblica delle donne a 527mila e 3%).

 Paperissima batte Ronaldo e De Ligt

Il grafico che raduna le curve delle principali generaliste mostra come tra le 21.00 e le 21.25 ci sia una fase di preminenza di Paperissima (picco di oltre 3,5 milioni) sulla partita di Rai1. Lontano da te è quindi rimasto al comando nell’intervallo della gara, ma poi Portogallo –Olanda è tornata leader tra le 22.00 e le 22.35, superando nel finale il 17,3% di share.

Lontano da te leader dopo la fine del match di Oporto. Giletti saluta in vetta

Solo da quel momento in poi è passata in testa la seria di Canale 5 con Megan Montaner e ci è rimasta fino alle fine, alle 23.40. Da quella fase in poi è stata in vetta l’ultima puntata di Non è l’Arena su La7, sopra il 10% di share dalle 24.30 in poi.

Emanuele Bruno

 

(nella foto un momento di Australia-Italia, ieri su Rai2)