Pubblicato il 29/05/2019, 19:01 | Scritto da La Redazione

Alessandro Cattelan è il personaggio dell’anno ai Diversity Media Awards

Alessandro Cattelan è il personaggio dell’anno ai Diversity Media Awards
All'Alcatraz di Milano, numerosi volti della tv e dei media si sono riuniti per l’iniziativa organizzata dall’associazione no-profit Diversity presieduta da Francesca Vecchioni. Sono stati assegnati i riconoscimenti ai media (tv, radio, web, cinema, pubblicità, stampa, tg) e ai personaggi che nel 2018 hanno contribuito a una rappresentazione delle diversità.

Ballando con le stelle vince come Miglior programma televisivo

Alessandro Cattelan si aggiudica il premio come Personaggio dell’anno ai Diversity Media Awards, mettendo il sigillo alla tradizionale serata che focalizza l’attenzione sulle diversità. All’Alcatraz di Milano, numerosi volti della tv e dei media si sono riuniti per l’iniziativa organizzata dall’associazione no-profit Diversity presieduta da Francesca Vecchioni. Sono stati assegnati i riconoscimenti ai media (tv, radio, web, cinema, pubblicità, stampa, tg) e ai personaggi che nel 2018 hanno contribuito a una rappresentazione valorizzante delle persone e delle tematiche legate alla diversità nelle aree LGBT e, per la prima volta, anche in quelle di genere e identità di genere, orientamento sessuale ed affettivo, etnia, età e generazioni, disabilità. Oltre 12.000 persone hanno espresso le loro preferenze sul sito www.diversitylab.it.

I vincitori e i nominati

PERSONAGGIO DELL’ANNO : ALESSANDRO CATTELAN
Le altre nomination:
Don Luigi Ciotti
Fiorella Mannoia
Enrico Mentana
Heather Parisi
Liliana Segre

MIGLIOR PROGRAMMA TV: BALLANDO CON LE STELLE (Rai 1 – Ballandi Multimedia)
Le altre nomination:
Love Me Gender (/la/F – Stand by Me)
Non ho l’età (Rai3 – Panamafilm)
C’è Posta Per Te (Canale 5 – Sabina Gregoretti per Fascino PGT)
La TV delle ragazze (Rai 3 – Rai Produzioni)
Programma Italia (Zelig TV – Emergency)

MIGLIOR FILM ITALIANO: PUOI BACIARE LO SPOSO (Medusa Film, Colorado Film)
Le altre nomination:
In viaggio con Adele (Vision Distribution)
Ella&John (Indiana Production, Rai Cinema)
Be Kind – Un viaggio gentile all’interno delle diversità (Ravic Film)
Eufori (HT Film, Indigo Film, Rai Cinema)
Zen sul ghiaccio sottile (Articolture, Istituto Luce)

MIGLIOR SERIE TV ITALIANA: SKAM ITALIA (TIMVISION – TIMVISION, Cross Productions) e L’AMICA GENIALE (Rai 1 – HBO-RAI FICTION e TIMVISION, Fandango- Wildside, in collaborazione con RAI FICTION, in collaborazione con TIMVISION, in collaborazione con HBO Entertainment, in co-produzione con Umedia)
Le altre nomination:
È arrivata la felicità (Rai 1 – coproduzione Rai Fiction-Publispei)
Nero a metà (Rai 1 – Rai Fiction-Cattleya)

MIGLIOR SERIE TV STRANIERA: LE TERRIFICANTI AVVENTURE DI SABRINA (Netflix)
Le altre nomination:
Butterfly (FoxLife)
The Handmaid’s Tale (TIMVISION)
La fantastica signora Maisel (AmazonPrime Video)
This is Us (FoxLife) Élite (Netflix)

MIGLIOR PROGRAMMA RADIO: CACTUS – BASTA POCA ACQUA (Radio Capital)
Le altre nomination:
La Prima Volta / Diario di un giorno (Radio 24)
Ciao Gender (Radio 3 Network)
Mi Casa (Radio 105)
Tutta la città ne parla (Rai Radio 3)

MIGLIOR CAMPAGNA PUBBLICITARIA: SORGENIA -DOMANI è UNA FIGATA (Red Robiglio&Dematteis)
Le altre nomination:
Rtl 102.5 – Normal (DLVBBDO)
Ikea – /Siamo fatti per cambiare/ (Gruppo DDB Italia)
Swarovski Brilliance for all (Laird + Partners)

INFLUENCER DELL’ANNO: STEPHANIE GLITTER
Le altre nomination:
The Jackal
Claudio Di Biagio
Iacopo Melio
Stazzitta
Eva -Il frutto della passione

MIGLIOR PRODOTTO DIGITALE: FREEDA – Intervista a Fiorenza De Bernardi
Le altre nomination:
Fanpage.it – Luca Trapanese adotta Alba, bambina down rifiutata da 30 famiglie
VICE – La prima volta
The Vision – Giovani italiani seconda generazione

Durante la serata sono stati attribuiti anche i riconoscimenti all’informazione: MIGLIOR TG è stato attribuito a TG LA7 (per il servizio Presenza e forza lavoro degli stranieri in Italia, firmato da Raniero Altavilla), MIGLIOR ARTICOLO STAMPA QUOTIDIANI a LA STAMPA (per l’articolo Dal barcone in Libia al dottorato. La favola del professore Alagie firmato da Filippo Femia), MIGLIOR ARTICOLO STAMPA PERIODICI a DONNA MODERNA (Come crescere figli maschi femministi firmato da Cristina Sarto), MIGLIOR ARTICOLO STAMPA WEB a IL POST (Secondo lei è stato un femminicidio? firmato da Giulia Siviero).

A firmare la cena di gala è stato SoulGreen, che ha proposto un menù plant-based studiato ad hoc per unire culture e sapori, nello spirito di inclusione che caratterizza i Diversity Media Awards.

 

(Nella foto Alessandro Cattelan)