Pubblicato il 26/05/2019, 14:01 | Scritto da Andrea Amato

Maria De Filippi: Non ho capito il brutto comportamento della Rai

Maria De Filippi: Non ho capito il brutto comportamento della Rai
Poco dopo la finale di "Amici", la conduttrice-autrice si leva qualche sassolino dalla scarpa: dal veto per non farla andare a “Domenica In” alla concorrenza con gli altri talent show. Guarda il video celebrativo dell'edizione 18.

Maria De Filippi: “Ad Amici mettiamo al centro i ragazzi, non i giurati”

Si è chiusa la diciottesima edizione di Amici di Maria De Filippi, il talent show di Canale5, quest’anno vinto da Alberto Urso, tenore 21enne di Messina, che ha battuto nella sfida finale la cantautrice italo-francese Giordana Angi, di 25 anni. Terzo posto per il ballerino cubano Rafael Quenedit Castro (22 anni).

Gli ascolti sono andati bene, fotocopia di quelli della finale del giugno 2018 (4,8 milioni di spettatori), ma questa volta Maria De Filippi aveva contro su Rai1 l’acerrima nemica, in Auditel s’intende, Milly Carlucci con la semifinale di Ballando con le stelle, e non un film in replica con Sandra Bullock, come l’anno scorso. Quindi, il risultato di ieri ha ancora più valore, analizzando bene i dati e il contesto.

Maria De Filippi contro la Rai

Ma nella consueta conferenza stampa del dopo Amici, a notte fonda, Maria De Filippi ha risposto ad alcune domande ai pochi giornalisti sopravvissuti alla maratona. E come sempre ha regalato i titoli.

«Sono rimasta molto male dall’atteggiamento della Rai: Mara Venier è venuta ospite qui ad Amici e in quell’occasione aveva ricambiato la cortesia, invitandomi in diretta a Domenica In su Rai1. Sembrava tutto a posto, poi a un tratto da viale Mazzini hanno fatto marcia indietro, dicendo che non ero più gradita. Non ho capito perché: ero appena stata intervistata da Raffaella Carrà su Rai3, la stessa Carrà era venuta da noi. I rapporti con loro sembravano ottimi», ha detto Maria De Filippi.

E a proposito della Raffaella Nazionale: «Io ho solo da imparare dalla Carrà e non viceversa. E lei, ogni volta, non perde occasione, giustamente, di ricordarmi dove sta lei e dove sto io». Hai capito la Carrà che fa l’ape regina…

Il talent per i ragazzi e non per i giurati

In tutta risposta alla delusione della Rai, però, ieri De Filippi ha schierato un poker d’assi in giuria (o il Milf Award, come hanno detto Pio e Amedeo): Silvia Toffanin, Ilary Blasi, Michelle Hunziker e Alessia Marcuzzi, perfettamente calate nel ruolo ed empaticamente in sintonia con la serata. «Sono state al gioco e sono state bravissime. In Mediaset dovremmo imparare a fare più squadra, come oggi», ha continuato Maria De Filippi, rivolta verso Giancarlo Scheri, direttore di Canale5.

E alla domanda del perché i cantanti usciti da Amici hanno vita più lunga di quella degli altri talent show, ha risposto: «Noi mettiamo al centro i ragazzi che partecipano e non i giurati. Negli altri programmi conviene fare il giudice e non il concorrente, da noi no. Oppure devi sperare di trovare un giudice-coach che ti metta davanti a lui e non dietro, come fa per esempio Morgan, che infatti vince sempre in ogni talent show». E anche X Factor l’abbiamo sistemato. Un colpo alla Rai, uno a Mediaset e uno a Sky. A posto così.

GUARDA IL VIDEO DI CHIUSURA DI AMICI 18

 

Twitter@AndreaAAmato

 

(Nella foto Maria De Filippi e Alberto Urso)