Pubblicato il 04/04/2019, 12:35 | Scritto da La Redazione

Su Nove uno speciale dedicato alla lunga notte del terremoto all’Aquila DI 10 anni fa

Su Nove uno speciale dedicato alla lunga notte del terremoto all’Aquila DI 10 anni fa
Lo speciale ripercorre le vicende dei soccorritori, di chi è stato soccorso, ma anche di chi ha subìto la perdita dei propri cari.

All’interno della Zona Rossa, si rivivranno le drammatiche condizioni di chi ha lavorato all’Ospedale mettendo in salvo i bambini nati prematuri e di chi è sopravvissuto al crollo della propria abitazione

Appena 23 secondi: il tempo necessario per distruggere e stravolgere i destini e le vite di un’intera città. 30 interminabili secondi, tanto è durata la scossa che nella notte tra il 5 e il 6 aprile del 2009, alle 3:32, ha colpito L’Aquila. Un terremoto dell’ottavo grado della scala Mercalli che ha distrutto gran parte della città vecchia con un bilancio di vittime tragico: 309 morti, oltre 1.600 feriti. 80.000 sfollati. 10 miliardi di euro di danni stimati.

La Zona Rossa – L’Aquila 

La zona rossa – L’Aquila, 10 anni dopo prodotto da Magnolia (Banijay Group) per Discovery Italia e in onda in prima tv assoluta oggi alle 21:25 sul NOVE, racconta cosa è rimasto di quei momenti terribili attraverso le storie di chi ha vissuto quella tragica notte. Nello spazio dedicato all’approfondimento targato NOVE RACCONTA, lo speciale ripercorre le vicende dei soccorritori, di chi è stato soccorso, ma anche di chi ha subìto la perdita dei propri cari: dai momenti in cui gli aquilani sono scesi nelle strade del centro città per aiutare i propri concittadini intrappolati dalle macerie, ai momenti terribili in cui i parenti cercavano i propri congiunti; dagli interventi dei Vigili del Fuoco giunti dalle città vicine, alle fasi dei soccorsi e all’attivazione di una grande camera mortuaria nella caserma della Guardia di Finanza, in cui un gruppo di psicologi locali si trovava ad offrire conforto ai parenti delle vittime.

All’interno della Zona Rossa, si rivivranno le drammatiche condizioni di chi ha lavorato all’Ospedale mettendo in salvo i bambini nati prematuri e di chi è sopravvissuto al crollo della propria abitazione. Si approfondirà la storia dell’Aquila Rugby, che per il suo aiuto alla città è stata insignita dello Spirit of Rugby. Verrano raccontate le testimonianze dei Vigili del fuoco che hanno lavorato per ore per estrarre chi è rimasto sotto le macerie.

 

(Nella foto L’Aquila)