Pubblicato il 07/02/2019, 17:00 | Scritto da Tiziana Leone

Claudio Baglioni si leva parecchi sassolini dalle scarpe, prima dell’addio al Festival

Claudio Baglioni si leva parecchi sassolini dalle scarpe, prima dell’addio al Festival
Nella conferenza stampa di stamattina, il direttore artistico ha lanciato continue frecciatine al direttore di Rai1. E ha chiarito che non pensa affatto al Baglioni tris.

Il direttore di Rai1, Teresa De Santis, ringrazia Staffelli per il tapiro d’oro ricevuto. Con Baglioni, bersagliato da settimane dall’inviato di Striscia la notizia, seduto accanto. Non proprio un gesto d’affetto

La notizia è che i giovani e i laureati guardano Sanremo. Di tutto il resto della popolazione italiana, quelli che non hanno titoli in tasca, ma un’età sulla carta d’identità, al direttore di Rai1, Teresa De Santis interessa relativamente.

È radiosa quando, annunciando i dati di ascolto, sottolinea: «I giovani guardano Sanremo: nel pubblico tra gli 8 e i 14 anni conquista il 61,5% di share, dieci punti in più rispetto alla puntata di esordio. Il miglior dato degli ultimi 19 anni. Il record sui giovani maschi, dai 15 ai 24 anni, è stato del 52,4%. Anche il dato di istruzione è cambiato, il festival va benissimo tra i laureati, dal punto di vista culturale è un ottimo risultato».

All’ennesimo mazzo di fiori offerto da Claudio Baglioni, alla De Santis non sorge nemmeno il dubbio che possa vagamente essere una pantomima con un retrogusto ironico. «Ho la stanza piena di fiori», sorride lei, fiera di aver portato a casa il suo primo Tapiro d’Oro, consegnato da «un gentilissimo Valerio Staffelli».

Gelo tra Baglioni e il direttore di Rai1

Baglioni, insultato da una settimana da Staffelli e del di lui capo Antonio Ricci, ringrazia sentitamente. È sempre più evidente che le strade del direttore artistico e del Festival si divideranno presto. «Al momento escludo il ritorno a Sanremo – sottolinea -. Ho ancora un lavoro nella vita e penso di proseguire con quello. L’adrenalina del Festival è una droga interessantissima, che ha dato stimoli altissimi anche a un uomo di pianura come me».

Forse per questo Baglioni, conferenza dopo conferenza, continua a levarsi sassolini dalle scarpe. «Non capisco se sei seduta in platea ogni sera per guardare o controllarci», chiede alla De Santis. «Sto lì perché mi piace lo spettacolo e sono abituata a stare vicino alle persone con cui lavoro», replica lei.

I dubbi sui pezzi di Claudio Bisio

Ma che il clima non sia così sereno lo dimostra un Claudio Bisio che racconta un particolare sulla canzone la Lega dell’amore, cantata sul palco con Michelle Hunziker. «Quando ho comunicato che avrei voluto fare la Lega dell’amore, c’è stato un dubbio per via delle elezioni in Abruzzo. Ci si è chiesti se fosse opportuno, ma se ci fossero stati problemi avrei fatto un passo indietro».

Sottolinea la De Santis: «Ho solo chiesto un chiarimento agli affari legali Rai sul termine Lega, visto che siamo vicini alle elezioni: solo un dato tecnico su cui sono state le necessario fatte verifiche».

Nessuna censura in onda

Taglia corto Claudio Fasulo, vicedirettore di Rai1 e responsabile del Festival: «Non c’è nulla che non vada in onda come in originale proposto dagli autori». Nessuna censura, dunque. Ma Bisio ha da combattere anche la sua guerra quotidiana con gli haters dei social. Ieri sera ha letto in diretta, durante il Festival con nomi e cognomi alcuni tweet piuttosto pesanti. Sicuro si potesse fare? «Se volete non leggo i cognomi, ma come è umiliante per loro essere chiamati in causa in diretta così lo è per me ricevere i loro tweet. Se volete non leggerò i cognomi».

Sorride Baglioni: «Possiamo dire direttamente dove abitano». Virginia Raffaele, orfana delle sue maschere confessa «che con Bisio non si conoscevano», ma non ci sono tensioni. Più che Yin e Yang sembrano cane e gatto.

 

Tiziana Leone

 

(Nella foto Baglioni e De Santis)