Pubblicato il 12/10/2018, 10:44 | Scritto da Andrea Amato

Sky doveva avere più coraggio e fare marcia indietro su Asia Argento a X Factor

Sky doveva avere più coraggio e fare marcia indietro su Asia Argento a X Factor
A settembre l’allontanamento dell’attrice-regista dal talent show sembrava la scelta migliore, ma a ottobre è stato evidente a tutti che non era più necessario.

Asia Argento poteva rimanere giudice a X Factor

Il caso di Asia Argento a X Factor ha dimostrato che nell’era dei social network tutto ha vita molto breve. Quello che ad agosto sembrava uno scandalo imperdonabile, a metà ottobre appare per quello che è realmente: una cazzata. Perdonate la licenza.

Sky, giustamente, ai primi di settembre aveva dovuto gestire in fretta e furia una vicenda che appariva davvero complicata, prendendo quella che allora sembrava davvero la decisione migliore: cambiare giudice in corsa, per non penalizzare i ragazzi in gara e il programma, che sarebbero potuti finire in secondo piano, cannibalizzati dallo scandalo.

Il suicidio mediatico di Jimmy Bennet

Nel frattempo, però, Asia Argento ha dimostrato di essere un ottimo giudice di X Factor, uno dei migliori degli ultimi anni, mentre il suo accusatore di stupro, Jimmy Bennet, si è suicidato mediaticamente, andando a fare una figura pessima da Massimo Giletti a Non è l’Arena, lasciando a tutti il dubbio che forse le accuse non siano proprio così solide.

Aspetteremo il processo, anche se da quello che abbiamo appreso Asia Argento probabilmente ha commesso un reato per la legge della California, avendo avuto rapporti sessuali con un diciassettenne, ma altrettanto probabilmente non ha stuprato proprio nessuno.

Sky doveva fare marcia indietro

A questo punto, però, Sky doveva avere il coraggio di fare marcia indietro, invece di percorrere ciecamente la strada intrapresa. L’annuncio del nuovo giudice, Lodo Guenzi de Lo Stato Sociale, è arrivato pochi giorni fa (tra l’altro anticipato proprio da TvZoom), quando ormai il caso si era sgonfiato e quando tutto il pubblico chiedeva a gran voce Asia Argento anche per le puntate dei live. La comunicazione, in quest’era barbarica, dev’essere più liquida per forza di cose, altrimenti il rischio è di sommare cazzate su cazzate. E perdonate nuovamente la licenza.

 

Twitter@AndreaAAmato

 

(Nella foto Asia Argento)