Pubblicato il 13/09/2018, 14:33 | Scritto da Andrea Amato
Tag:

Sky: chi sceglierà Zappia per sostituire Scrosati? Consigli per gli acquisti

Sky: chi sceglierà Zappia per sostituire Scrosati? Consigli per gli acquisti
La pay tv sta vivendo un momento di grandi cambiamenti, dopo il clamoroso addio del vicepresidente. Ecco alcuni nomi che potrebbero essere vagliati dall’amministratore delegato. Senza dimenticarci che lo Sport è senza guida da marzo.

Andrea Scrosati lascia Sky dopo 11 anni di successi. Chi lo sostituirà?

L’uscita di Andrea Scrosati da Sky ha sconvolto non poco il mondo televisivo, non solo perché la pay tv perde uno degli artefici del suo successo, ma anche perché apre un vuoto complicato da colmare. Una figura del genere, sul mercato, non si trova facilmente e allora facciamo un po’ di ragionamenti su quelle che potrebbero essere le possibili scelte che dovrà fare Andrea Zappia, amministratore delegato di Sky Italia.

Internamente, una delle figure che è a diretto riporto di Scrosati è Nils Hartmann, capo delle produzioni, l’uomo che cura in prima persona per esempio Gomorra e X Factor. Grande conoscitore del prodotto in tutti i suoi aspetti, ma forse un po’ a digiuno per quanto riguarda la parte manageriale nel suo insieme.

E poi c’è Antonella D’Errico, nel cerchio magico del vicepresidente uscente, artefice dei buoni risultati di Tv8, con una grande visione d’insieme, ma senza l’esperienza di Hartmann sulla produzione. È evidente che una crasi dei due sarebbe la soluzione perfetta per sostituire Scrosati.

Andando sul mercato, invece, la scelta potrebbe ricadere su Alessandro Saba, vicepresidente di Fox Italia, dopo una vita passata in Mediaset in cui è partito come giovane autore per arrivare fino alla vicedirezione di Italia 1. In Fox ha dato vita a progetti molto ambiziosi e coraggiosi come Dance Dance Dance e la serie tv Romolo+Giuly, in onda da lunedì 17 settembre.

Altra manager capace e in costante ascesa è Laura Carafoli, responsabile di tutti i contenuti del gruppo Discovery, avvezza a lavorare in una realtà internazionale e multiforme, com’è del resto Sky.

Volendo, poi, ci sarebbe anche Fabrizio Salini, ex di Fox e La7, oggi direttore generale di una Rai ancora orfana di un Presidente e dal futuro a breve termine, visto che i suoi predecessori sono durati solo due anni.

Oltre a dover sostituire Andrea Scrosati, Zappia deve ancora trovare il sostituto di Jacques Raynaud, ex capo dello Sport, trasferitosi a marzo in Sky Germania. Ma qui la scelta è molto più semplice, visto che in questi mesi la struttura è stata gestita egregiamente dal vice di Raynaud, Matteo Mammì, che ha portato a casa l’ultimo complicatissimo bando sulla Serie A e ripreso la Champions League, dopo il triennio Mediaset. Anzi, strano che non sia ancora stata annunciata la sua promozione.

 

Twitter@AndreaAAmato

 

(Nella foto Andrea Zappia)