Pubblicato il 01/03/2018, 11:01 | Scritto da Andrea Amato
Argomenti: , , ,

Sky e Netflix si accordano e blindano l’Europa

Sky e Netflix si accordano e blindano l’Europa
Una partnership epocale tra la pay tv satellitare e la tv in streaming, che giova a entrambi i soggetti e che lancia un forte messaggio ai player che volevano lanciare un’offensiva televisiva europea, come Vivendi.

Dall’anno prossimo si potranno vedere i contenuti Netflix direttamente su Sky

«Si non potes inimicum tuum vincere, habeas eum amicum» diceva Giulio Cesare, ovvero «Se non puoi battere il tuo nemico, fattelo amico». Ed è quello che deve aver pensato Andrea Zappia, amministratore delegato di Sky Italia, che ha appena annunciato la grande partnership tra la pay tv satellitare e Netflix. Infatti, grazie al nuovo accordo gli abbonati Sky avranno accesso diretto alla streaming tv attraverso la piattaforma Sky Q.

L’applicazione di Netflix, con tutti i suoi contenuti, sarà inserita direttamente nel nuovo decoder e accessibile grazie a un pacchetto speciale. Ovviamente, chi già ha un abbonamento alla tv in streaming potrà migrare il suo account su Sky.

Andrea Zappia ha commentato: «Siamo di fronte a una tappa rivoluzionaria nel nostro percorso d’innovazione tecnologica e culturale, che oggi può accelerare grazie agli investimenti e alle sinergie sviluppate a livello di Gruppo. Appena tre mesi fa, con il lancio di Sky Q anche in Italia, abbiamo presentato un modo nuovo di vivere la tv. Oggi, grazie a un accordo senza precedenti, Sky Q diventa la piattaforma dov’è possibile trovare tutti i migliori contenuti di intrattenimento al mondo, accessibili con un solo click. Siamo felici che Netflix abbia scelto Sky come partner europeo e che la loro popolare offerta di titoli sarà così disponibile accanto ai contenuti Sky. Una conferma dell’impegno costante di Sky a offrire la migliore esperienza televisiva possibile ai suoi clienti».

A Giulio Cesare deve, però, aver pensato anche Reed Hastings, Ad di Netflix, che evidentemente in Europa non ha raggiunto in questi due anni i risultati sperati e quindi ha preferito accordarsi con un player che comunque ha quasi cinque milioni di abbonati. Insomma, visto così sembra proprio un accordo vantaggioso per tutti: Sky si allea con un competitor difficile da contrastare per la natura stessa dell’offerta di mercato e Netflix accelera il processo di crescita, alleandosi con un soggetto che ha una grande base di audience consolidata.

Ed è così che dal prossimo anno assisteremo al lancio di Netflix, insieme al nuovo pacchetto Sky Tv, sulla piattaforma Sky Q nel Regno Unito e in Irlanda e in seguito in Italia, Germania e Austria. L’accordo con Netflix si estende anche ai servizi streaming di Sky senza abbonamento. Nel Regno Unito e in Irlanda, Sky lancerà Netflix come app standalone sulla famiglia dei dispositivi streaming di Now Tv, incluso lo Smart Stick Now Tv lanciato di recente. A seguire anche Sky Ticket in Germania e Austria, e Now Tv in Italia, lanceranno un’app sui loro dispositivi. Per conoscere i costi, invece, dobbiamo aspettare ancora un po’.

Duro colpo per Vivendi e per tutti quelli che sognavano di lanciare un’offensiva a Sky. La società di Vincent Bollorè, a questo punto, dovrebbe ripensare al rapporto con Mediaset, non tanto per attaccare ormai, ma per evitare di soccombere.

 

Twitter@AndreaAAmato

 

(Nell’immagine i loghi di Sky e Netflix)