Pubblicato il 23/02/2018, 17:02 | Scritto da Tiziana Leone
Argomenti: , , ,

Michele Riondino: Nell’ispettore Bovara c’è qualcosa del giovane Montalbano

Michele Riondino: Nell’ispettore Bovara c’è qualcosa del giovane Montalbano
Stavolta l'attore interpreta un ispettore che da Genova torna nella sua Sicilia per investigare sull'applicazione della tassa sul macinato. Il giallo è tutto incentrato sul dialetto siciliano.

Michele Riondino, protagonista del film-tv La mossa del cavallo, tratto dal primo romanzo storico di Andrea Camilleri, torna a Vigata con il giovane Montalbano nel cuore

Dopo aver interpretato il Giovano Montalbano, Michele Riondino torna nel mondo “fatato” di Andrea Camilleri del film-tv La mossa del cavallo. C’era una volta Vigata, il primo romanzo storico dello scrittore siciliano, in onda su Raiuno lunedì in prima serata. Il protagonista del romanzo, ambientato nell’Italia di fine ‘800, l’ispettore dei mulini Giovanni Bovara, interpretato da Michele Riondino, nato a Vigata, ma cresciuto a Genova, viene inviato nel territorio di Montelusa per investigare sull’applicazione della tassa sul macinato, l’odiata tassa sul pane, che fa dilagare la corruzione.

Testimone di un delitto, Bovara si trasformerà in imputato e solo grazie alla “mossa del cavallo”, ovvero il dialetto siciliano che aveva perso durante la sua vita a Genova, si salverà da una trappola micidiale. Per Riondino in questo ispettore c’è qualcosa del Giovane Montalbano che ha portato sul piccolo schermo qualche anno fa, come lui stesso racconta in questa intervista a TvZoom.

GUARDA LA VIDEOINTERVISTA

 

Tiziana Leone

 

(Nella foto Michele Riondino)