Pubblicato il 10/01/2018, 18:03 | Scritto da Tiziana Leone

Michele Santoro: I direttori di rete rai dovrebbero essere giovani

Michele Santoro: I direttori di rete rai dovrebbero essere giovani
Il giornalista, che domani giovedì 11 torna su Rai 3 con “M”, ai microfoni di TvZoom parla di tv pubblica e politica.

Michele Santoro da giovedì 11 su rai e con M

Michele Santoro torna dopo circa vent’anni in quella che lui stesso chiama «la sua casa», ovvero Rai 3, con quattro puntate da domani in prima serata, e una sola lettera come titolo, M. Il giornalista torna all’attualità, politica e non solo, per tentare di nuovo quella strada che in tanti anni l’ha portato dalla Rai a Mediaset, passando per La7.

Ogni puntata sarà monotematica, si parte questa sera con le banche, per passare poi all’immigrazione, a Roma capitale e all’evasione fiscale, dove probabilmente ci saranno Matteo Salvini, Luigi Di Maio e Matteo Renzi. L’editoriale è affidato a Roberto Saviano, «l’allegria urticante» a Vauro e ai The Pills, mentre Andrea Rivera farà «incursioni indisciplinate».

Quattro puntate basteranno, a maggio Santoro tornerà su Rai 3 con un racconto dedicato al caso Moro. E poi? Magari un progetto più lungo, tutto interno Rai, come racconta lui stesso in questa intervista a TvZoom.

GUARDA LA VIDEOINTERVISTA

 

 

Tiziana Leone

 

(Nella foto Michele Santoro)