Pubblicato il 10/05/2017, 11:32 | Scritto da La Redazione
Argomenti: , ,

Mediaset: nel primo trimestre del 2017 i conti tornano in attivo

Mediaset: nel primo trimestre del 2017 i conti tornano in attivo
Le tv di casa Berlusconi hanno chiuso il primo trimestre con 15,9 milioni di profitti grazie al taglio dei costi, in frenata i ricavi. La società ripropone un aggressivo programma d riacquisto di azioni proprie (fino al 10% del capitale) che potrebbe influire sul braccio di ferro con i francesi. Così su "Repubblica".

Mediaset torna in attivo a inizio 2017 dopo il rosso targato Vivendi

Rassegna stampa: La Repubblica.

Mediaset torna subito in attivo nel 2017 dopo il buco di 294 milioni del 2016 legato in buona parte al braccio di ferro con Vivendi per Premium. Cologno ha chiuso il primo trimestre dell’anno con un utile netto di 15,9 milioni di euro rispetto al risultato negativo per 18,2 milioni dello stesso periodo del 2016. Il gruppo «consegue nuovamente un risultato netto positivo. Si tratta – spiega il gruppo televisivo – di un segnale significativo dopo le turbolenze dell’esercizio 2016 causate dalla nota vicenda Vivendi. Un effetto negativo sui conti che tuttavia può già considerarsi assorbito, indipendentemente dai possibili esiti economici favorevoli legati al contenzioso giudiziario in atto».

L’Ebit del gruppo televisivo è positivo per 76,6 milioni, in aumento dai 21,4 milioni dei primi tre mesi dello scorso esercizio. I ricavi netti ammontano a 889,3 milioni, in flessione dai 912 milioni del primo trimestre 2016. La pubblicità nel primo trimestre è salita del 2,4% in controtendenza rispetto al mercato. «I tagli dei costi sono stati superiori alle nostre aspettative», ha detto Marco Giordani, il direttore finanziario. Mediaset ripresenterà alla prossima assemblea degli azionisti un aggressivo programma di acquisizioni di azioni proprie (fino al 10% del capitale) già varato lo scorso anno.

Il processo, se mai partirà, arriverà sia rastrellando azioni che con derivati. Oggi l’azienda ha in portafoglio il 3,795% del capitale proprio e un aumento significativo di questa partecipazione potrebbe far superare la soglia d’Opa a Fininvest e a Vivendi, riaprendo la battaglia per il controllo congelata al momento dallo stop di Agcom ai francesi per il controllo congiunto del Biscione e di Telecom Italia.

 

(Nella foto la sede Mediaset di Cologno Monzese)