Pubblicato il 19/12/2016, 19:34 | Scritto da Tiziana Leone
Argomenti:

Video – Alessandro Gassmann: Con I bastardi di Pizzofalcone spero di avere le polemiche di Schiavone

Video – Alessandro Gassmann: Con I bastardi di Pizzofalcone spero di avere le polemiche di Schiavone
L’attore, ai microfoni di TvZoom, racconta della nuova serie di cui è protagonista dal 9 gennaio su Rai 1 e poi spiega perché ama fare battaglie sociali.

Alessandro Gassmann: “Vorrei avere un ministro dell’Istruzione istruito”

Il Commissariato di Polizia di Pizzofalcone di Napoli è in chiusura per un ordine dall’alto. A sbrigare le questioni burocratiche rimaste in sospeso viene inviato un gruppo di poliziotti considerati da tutti scomodi e ingombranti, per questo definiti “bastardi”. A guidarli è l’ispettore Lojacono che in tv avrà il volto di Alessandro Gassmann, pronto a replicare su Rai 1 con I Bastardi di Pizzofalcone (in onda dal 9 gennaio) il successo che Giallini-Schiavone ha ottenuto su Rai 2. Un altro poliziotto fa dunque il grande salto dalle pagine dei libri al piccolo schermo: creato da Maurizio de Giovanni, Lojacono è un ispettore affascinante, acuto, con un passato poco pulito. Accanto a lui il Pubblico Ministero Laura Piras (Carolina Crescentini) e un gruppo di poliziotti, chiamati “bastardi” per i loro trascorsi al limite della legalità, pronti a riportare l’ordine in una città non facile come Napoli. Gassmann, da sempre lettore dei best seller di de Giovanni, si augura che anche a Lojacono tocchino in sorte le polemiche politiche che hanno accompagnato Schiavone. Il perché lo spiega in quest’intervista a TvZoom.

GUARDA LA VIDEOINTERVISTA

 

Tiziana Leone

 

(Nella foto Alessandro Gassmann)