Pubblicato il 22/11/2016, 12:31 | Scritto da La Redazione
Argomenti: ,

Sarah Jessica Parker e la nuova serie Divorce: Porto in tv l’amore

Sarah Jessica Parker e la nuova serie Divorce: Porto in tv l’amore
L’attrice, indimenticabile protagonista di “Sex and the City”, parla della nuova serie, dal 30 novembre su Sky: “Si è soliti associare il divorzio a un periodo di profonda tristezza. Invece ci sono molte situazioni comiche, ridicole o assurde”. Così Tiziano Marino su “Il Messaggero”.

“Anche senza Carrie porto in tv l’amore”

Rassegna stampa: Il Messaggero, pagina 26, di Tiziano Marino.

Sarah Jessica Parker, indimenticabile protagonista di “Sex and the City”, parla della nuova serie “Divorce”, dal 30 novembre su Sky. “Si è soliti associare il divorzio a un periodo di profonda tristezza. Invece ci sono molte situazioni comiche, ridicole o assurde”.

Sono passati dodici anni da quando Sarah Jessica Parker ha smesso i panni di Carrie Bradshaw, l’indimenticabile protagonista di Sex and the City che con le sue rocambolesche avventure sentimentali era stata in grado di fare innamorare milioni di telespettatori. Oggi quella donna single e un po’ disperata non c’è più, la sua interprete invece è viva più che mai. L’attrice, che per il ruolo di Curie ha vinto ben quattro Golden Globe, è pronta a tornare e a farlo ancora una volta sul piccolo schermo. In Divorce, la nuova serie tv firmata HBO che andrà in onda su Sky Atlantic a partire dal 30 novembre, Sarah Jessica Parker è Frances, una donna insicura che dopo dieci anni di matrimonio si ritrova costretta a dover riscrivere completamente la propria vita. Il motivo? Il divorzio dal marito Robert, che nello show ha il volto di Thomas Haden Church, candidato al premio Oscar nel 2005 per Sideways. La Parker torna a parlare d’amore e di problemi di cuore, al suo fianco però non ci sono più le fidatissime Samantha, Charlotte e Miranda.

Mrs. Parker, è stato difficile tornare in tv dopo così tanti anni?

«Assolutamente no. È come avere un muscolo un po’ atrofizzato, devi solo ricordarti della sua esistenza ma una volta allenato e riattivato è tutto esattamente come prima. Ho lavorato per moltissimo tempo in televisione e continua a essere uno dei miei mezzi preferiti. Amo i ritmi, il senso di urgenza, amo l’importanza dei dettagli. Non mi ci è voluto molto a riabituarmi a questa piacevole routine».

Che tipo di donna è Frances?

«È una donna che si è sempre impegnata molto per il suo matrimonio ma che si accorge di non avere più stimoli. Non vede molta inerzia nella relazione col marito. È onesta e vuole salvare la propria vita, che in quanto donna sposata potrebbe sembrare un comportamento molto egoistico. Invece non lo è. È solo quello che in realtà provano molte persone che divorziano».

Quanto è stato importante rendere Frances diversa da Carrie?

«A dire la verità, non c’è stato un momento preciso in cui ci siamo preoccupati di rendere questa differenza ben visibile. Si tratta solo di una storia con altri connotati, nulla a che vedere con Sex and the City, per questo ci è venuto naturale non replicare il mio vecchio personaggio. Leggendo il pilota ho capito subito che Frances sarebbe stata un’entità a sé, diversa non solo da Carrie ma da tutti i personaggi che ho interpretato nella mia carriera».

Si riferisce al suo guardaroba?

«Esattamente. Il guardaroba di Frances è senza ombra di dubbio un qualcosa di mai visto prima, almeno su di me. I protagonisti di Divorce sono personaggi usciti dagli anni Settanta, il concetto di bellezza proprio di quel decennio gioca un ruolo fondamentale all’interno dello show. L’abbigliamento è molto specifico. Frances è una donna moderna ma al tempo stesso adora il fatto che i suoi vestiti le possano calzare “vecchio stile”. Nonostante questo la sua femminilità non viene mai intaccata. Indossare i suoi panni, nel vero senso della parola, mi ha aiutato molto nel comprendere la parte di questa donna intenta a divorziare».

Il divorzio appunto, non è mai un tema semplice da affrontare e raccontare. Qual è stata la chiave di lettura che avete scelto?

«Abbiamo scelto il realismo. Cercare di essere il più fedeli, possibile a ciò che accade nella vita di tutti i giorni. Si è soliti associare il divorzio a un periodo di profonda tristezza, invece ci sono anche molte situazioni comiche, ridicole e assurde. Ne troverete molti di esempi di questo tipo».

Quanto di più lontano dalla sua vita privata. Con Matthew Broderick le cose vanno a gonfie vele.

«Semplice, basta non parlarne pubblicamente».

 

(Nella foto Sarah Jessica Parker)