Pubblicato il 22/12/2015, 20:01 | Scritto da Tiziana Leone
Argomenti:

Giorgio Panariello: finalmente in Rai un toscano che fa ridere

Giorgio Panariello: finalmente in Rai un toscano che fa ridere
Stasera e domani su Raiuno il comico toscano sarà protagonista di "Panariello sotto l'albero", uno show ricco di ospiti che promette anche della sana ironia su politica e società.

Un toscano per ogni Natale. L’anno scorso Roberto Benigni. Quest’anno Giorgio Panariello.Il prossimo anno a chi, Leonardo Pieraccioni? Intanto per questo Santo Natale Rai 1 ha richiamato in servizio quel Panariello che anni fa aveva voluto padrone del sabato sera con lo show Torno sabato e poi aveva rinnegato per un Sanremo non proprio riuscito con il buco. Stavolta gli concede due puntate-evento, Panariello sotto l’albero, in onda stasera e domani dal Pala Modigliani di Livorno e gli lascia carta bianca sugli ospiti. Così Giorgio, che dopo la fregatura del Festival fa fatica a fare i conti con i punti di share, ha chiamato tutti quelli che poteva per creare uno spettacolo in grado di lasciare il pubblico senza respiro, nel senso che farà fatica a respirare tra un ospite e l’altro. Giorgio li chiama amici, o meglio “il fattore umano”, la tv più cinicamente li chiama “ospiti” che siano attori cantanti, chef o allenatori poco conta, l’importante è che siano capaci di tenere il ritmo di due serate all’insegna della comicità, toscana, per lo più. Un dialetto leggermente inflazionato, usato in Rai più da chi governa che da chi su quel governo ci fa sana ironia. «La comicità è sicuramente ciclica – dice Panariello – C’è un momento in cui vanno forti i napoletani, poi i romani, e ancora i milanesi, ma questo non ci impedisce di lavorare tutti i giorni con passione. Ci sono momenti in cui sei nell’occhio del ciclone e tutti parlano del tuo lavoro e momenti in cui se ne parla di meno, ma questo non significa che noi non lavoriamo quotidianamente per migliorarci e portare avanti un certo tipo di comicità».

Impossibile pensare a uno show di Panariello senza il suo alter ego Renato Zero, uno dei tanti personaggi che probabilmente il comico toscano tirerà fuori dal suo lungo repertorio. Questi gli ospiti di stasera: Emma, Il Volo, Placido Domingo, Carlo Conti, Leonardo Pieraccioni, oltre alla guest star Maria De Filippi, a cui Mediaset ha concesso una liberatoria quasi scontata visto che da gennaio Panariello sarà il protagonista su Canale 5 della serie Tutto può succedere nei panni di un veterinario. Poi domani sarà il turno di Biagio Antonacci, Claudia Gerini, Alessandra Amoroso, Massimiliano Allegri, Alessandro Borghese, Paolo Rossi e Matt Dillon. Un elenco piuttosto lungo, non saranno troppi? «Il nostro sarà un grande cenone – confessa Panariello – Quando proponi alla gente un varietà vorresti fare sempre “il botto” con grandi effetti speciali e grandi scenografie, in realtà sono molto rilassato e per questo show punterò molto sul fattore umano. Ho invitato amici con cui ho condiviso il palco in diverse occasioni e altri con cui non ho mai avuto il piacere di collaborare: chiederò a chi normalmente fa il cantante di recitare e a chi normalmente fa l’attore di cantare». Tosca D’Aquino avrà il ruolo di “valletta” per entrambe le sere. Ovviamente non poteva mancare Carlo Conti che lo scorso anno volle Panariello al suo Sanremo. E quest’anno? «Non ho bisogno di andare a Sanremo per vedermi con Carlo – taglia corto Panariello – Mi basta andare anche a Scandicci. Potremmo trovarci all’autogrill di Firenze Nord».

 

Tiziana Leone

 

(Nella foto Giorgio Panariello)