Pubblicato il 26/04/2015, 17:03 | Scritto da La Redazione
Tag: ,

Mediaset sfrutta i flop della RAI e cresce in ascolti. A Cologno dicono che l’artefice sia Marco Paolini

Mediaset sfrutta i flop della RAI e cresce in ascolti. A Cologno dicono che l’artefice sia Marco Paolini
“Se Atene piange, Sparta non ride”, ma se Atene è la tv di Stato e Sparta il Biscione, bisogna dire che in questo periodo a Cologno Monzese se la passano meglio che in Viale Mazzini.

Un tempo erano Vittorio Giovannelli e Gigi Reggi ad avere soprannomi a Cologno Monzese, il primo “Sibillo cumano” e il secondo “Luigino”, ora anche il top manager più quotato del Biscione (responsabile palinsesto), Marco Paolini, ne ha uno: “l’orso buono”, forse per il suo carattere apparentemente ombroso, ma che dicono essere solo una facciata. Al di là delle battute, Marco Paolini sta lavorando a un’impresa titanica, ovvero rinnovare Mediaset e Premium. Andando in ordine, Canale5 il mattino perde ancora la sfida con UnoMattina, ma la coppia PanicucciNovella incrementa i suoi ascolti in confronto all’anno precedente. Forum vive un momento di grazia, vincendo su La prova del cuoco e facendo da traino al magic moment  che sta attraversando il pomeriggio dell’ammiraglia di Cologno Monzese. Beautiful e Uomini e donne sono in crescita, Il Segreto oramai viaggia ben oltre il 30% di share (punte del 36) e Barbara D’Urso rimane una garanzia di ascolti.

Mediaset torna a cedere il passo alla Rai dal preserale, quando Avanti un altro! non intacca minimamente lo strapotere de L’Eredità, ma almeno limita i danni, mentre in access prime time Striscia la notizia ogni giorno combatte testa a testa con Affari tuoi. Il lavoro di Paolini, però, si vede soprattutto nel prime time dove finalmente Canale 5 (complice anche i flop di Rai 1) ha riniziato a vincere qualche prima serata. L’anello debole, per tutta l’azienda, però è la seconda serata: seppur Grand Hotel Chiambretti e Matrix stiano piano piano risalendo la china, Canale 5 deve ancora individuare la formula giusta per fidelizzare i suoi telespettatori in seconda serata. Oggettivamente, ci vorrebbe un programma che desse continuità per almeno quattro giorni a settimana.

Passiamo a Rete4. Tra telefilm visti e rivisti che tanto piacciano ancora al pubblico over, e la garanzia al pomeriggio dello Sportello di Forum, la rete diretta da Sebastiano Lombardi, ha trovato una via che gli ha permesso di raccogliere alcuni risultati vede in prima e seconda serata. Paolo Del Debbio, superstar indiscussa dell’emittente, vede crescere gli ascolti dei suoi programma, come il suo consenso personale; in access, Dalla vostra parte, si avvicina sempre più alla Gruber, mentre in prima serata Quinta Colonna incrementa il suo bacino di pubblico puntata dopo puntata. Quarto Grado continua ad essere una garanzia, il Maurizio Costanzo Show rende bene, mentre La Strada dei miracoli rappresenta un altro tassello del prime time, grazie a Safiria Leccese e al capo progetto Adriano Bonfanti, di ritorno in Mediaset.

In grande evoluzione e rivoluzione Italia1 diretta da Laura Casarotto: i cartoni animati a marchio Mediaset hanno resuscito la mattina della rete, togliendola finalmente dall’oblio dell’1% di share. I telefilm della tarda mattinata arrancano, ma reggono, considerando il fatto che bambini e ragazzi sono a scuola o all’Università. Studio Sport, I Simpson e The Big Bang Theory danno alla fascia post prandiale e a quella del pomeriggio un importante scatto di ascolti. La prossima fascia da sistemare è quella del tardo pomeriggio, che porta sostanzialmente a Studio Aperto, da rivedere per arrestare l’emorragia di ascolti iniziata con la direzione precedente. In access prime time il ritorno del Karaoke potrebbe fruttare mille volte di più, ma con un traino di appena il 3% di share il lavoro è tutto in salita. Poco prima del prime time non si può mettere “roba forte” perché c’è Striscia (e i veti di Antonio Ricci), ma in prima serata Italia1 se la cava con titoli forti come Le Iene, le serie tv e i film “eroici”. In una fase di rivoluzione e sperimentazione ci stanno anche tentativi non andati a buon fine, come il flop di About Love, ma ora si attendono altre novità. La seconda serata, tra Le Iene e Tiki Taka, fa quasi meglio della sorella maggiore Canale 5.

Come si nota, tutto sommato, Mediaset ha di che festeggiare viste le scarse risorse rimaste per produrre e viste le scelte scelerate della Rai. Paolini sta facendo un buon lavoro, supportato dai nuovi direttori di rete, Lombardi a Rete 4 e Laura Casarotto a Italia 1, e da Giancarlo Scheri, “salvato” dal Segreto e da Maria De Filippi.

 

Endimion

 

(Nella foto Marco Paolini di Mediaset)